Home In primo piano Non solo per la coagulazione ematica…

Non solo per la coagulazione ematica…

È risaputo che la vitamina K, scoperta nel 1920, svolge un ruolo nella coagulazione del sangue (K come Koagulation, coagulazione). Recentemente, si è scoperto che contribuisce anche al metabolismo osseo e al mantenimento dell’elasticità
dei vasi sanguigni. Due grandi vantaggi per il nostro corpo!

In realtà, ci sono diverse vitamine K:

… ma quella che ci interessa è la K2 o menachinone. È la più efficace, alla dose di 180 mcg, la meglio tollerata e la più utilizzata. La si trova nel fegato, nei crauti e nei prodotti caseari fermentati, ma soprattutto nel natto, un alimento giapponese a base di soia fermentata. Viene anche prodotta dai batteri intestinali. Anche a dosi molto elevate, la vitamina K2 non è tossica.

La vitamina K1 o fillochinone viene sintetizzata solo dalle piante. I cibi più ricchi sono gli ortaggi a foglia verde (spinaci, lattuga), i cavoli, le alghe, l’olio di soia e di colza. Il suo ruolo principale è quello che svolge nella coagulazione.

Infine, la vitamina K3 ha un’azione più potente rispetto alle 2 precedenti, ma è stata praticamente abbandonata perché comporta molti effetti collaterali (vomito, anemia, astenia, vertigini, ecc.).

Proprietà e antagonisti

Come si è visto, la K2 è coinvolta nel metabolismo cardiovascolare e in quello osseo (quest’ultimo dato è importante per la prevenzione e la terapia di supporto dell’osteoporosi).

Tra i nemici di questa vitamina, che possono indurre una carenza, vi sono l’alcol, i farmaci che alterano la flora intestinale, in particolare gli antibiotici, i disturbi del fegato o della cistifellea che ne riducono l’assorbimento.

È utile sapere

che la vitamina K sintetizzata dalla flora intestinale può coprire una parte importante del fabbisogno quotidiano, fino alla metà in alcuni soggetti.

Rita Ducret-Costa
Caporedattore di vitamag®, farmacista laureata all'Università di Bologna, nutrizionista e omeopata.

Da leggere anche

L”olio di krill, un integratore di grande valore

Tutti i nutrizionisti concordano nell’affermare che gli omega-3 sono uno dei componenti di un’alimentazione equilibrata. Estratto da alcuni minuscoli gamberetti dei mari freddi, l’olio di krill è una fonte di omega-3 particolarmente ricca ed assimilabile dal nostro organismo.

L’aromaterapia, oli davvero essenziali

Davanti al crescente rifiuto dell'onnipresenza del farmaco da parte dei pazienti, da alcuni decenni stanno tornando alla ribalta alcuni approcci terapeutici ancestrali. Uno di...

Conoscersi meglio per conoscere meglio i propri clienti (segue)

Rosso, giallo, verde e blu, qual è o quali sono i colori predominanti nella vostra personalità? Leggete il seguito … PDF solo in francese e...

Alito cattivo, il successo del ­trattamento richiede franchezza!

Circa un quarto della popolazione soffre di alito cattivo (alitosi, nel linguaggio medico). A prescindere dal termine utilizzato, l'argomento è tuttora tabù. Ben poche persone osano affrontarlo, per timore di mettere a rischio dei buoni rapporti con gli interessati, peraltro numerosi. Ne derivano disagio, isolamento professionale e pri­vato. Talvolta ci vogliono addirittura degli anni perchè ci si decida a consultare un professionista della salute.

Gemmoterapia: fitoterapia moderna grazie alla forza dei germogli

La gemmoterapia è un ramo della fitoterapia e sfrutta la forza dei germogli di piante e arbusti. I germogli contengono un'elevata concentrazione di principi...