Home Alimentazione Micronutrienti Il trio perfetto per il nostro benessere

Il trio perfetto per il nostro benessere

Molte persone non conoscono il termine triptofano. Eppure è un elemento chiave del nostro benessere mentale.

Il triptofano è un amminoacido essenziale che deve essere necessariamente assunto tramite gli alimenti poiché il nostro corpo è incapace di sintetizzarlo. È anche l’amminoacido che gli alimenti proteici (in tal caso: vitello, pollo, manzo, germi di grano) contengono in quantità minima.

Una trasformazione benefica…

Per nostra fortuna, il triptofano viene trasformato dal nostro corpo in serotonina, un neurotrasmettitore cerebrale chiamato anche, a giusta ragione, l’ormone della serenità o ormone del buon umore. La carenza di triptofano, e dunque di serotonina, può manifestarsi con sintomi nervosi particolarmente sgradevoli quali: depressione, scarsa resistenza allo stress, irritabilità, aggressività, aumento dell’appetito con tendenza a sgranocchiare e a crisi di bulimia, nonché difficoltà a prendere sonno. In effetti la serotonina in seguito viene trasformata in melatonina, l’ormone del sonno.
Un sacco di ragioni per non farsi mancare il triptofano.

… grazie alle vitamine del gruppo B e al magnesio

La sintesi della serotonina a partire dal triptofano è favorita dalle vitamine del gruppo B (in particolare B3, B6 e B9) e il suo rilascio dal magnesio. Le vitamine del gruppo B appena citate vengono fornite tra l’altro da fegato, tonno, lievito di birra, germe di frumento e spinaci. Questi ultimi tre alimenti costituiscono anche una buona fonte di magnesio, come anche i cereali integrali, la frutta secca e i semi oleosi, i gamberetti e il cioccolato fondente.

L’aiuto dalla fitoterapia (passato, presente e futuro): la Rhodiola rosea

Come il ginseng, l’eleuterococco e altre piante, la Rhodiola rosea fa parte delle piante “adattogene”. Queste piante aiutano l’organismo a contrastare le sollecitazioni psichiche e fisiche.
Senza essere prodotti dopanti, permettono di aumentare il rendimento senza eccitare e rilassano senza provocare sonnolenza.
La Rhodiola rosea ha superato indenne il millennio e attualmente sta tornando alla ribalta.

Rita Ducret-Costa
Caporedattore di vitamag®, farmacista laureata all'Università di Bologna, nutrizionista e omeopata.

Da leggere anche

Quando le dita fanno male

Pizzicori, sensazione di torpore, formicolii o scariche elettriche alle dita… I primi sintomi della sindrome del tunnel carpale non sono particolarmente dolorosi. Ma non...

Reumatismi: la fitoterapia alla riscossa

Tra le patologie, ce ne sono alcune che richiedono l’uso del plurale. Una di queste sono appunto i reumatismi. Le patologie reumatiche sono più...

Il raffreddore da fieno, sempre più frequente

L'allergia è una risposta alterata dell'organismo a sostanze solitamente ben tollerate. Lo stato allergico è indotto dalla penetrazione o dalla comparsa nell'organismo di allergeni, sostanze che scatenano le reazioni immunologiche responsabili dell'ipersensibilità.

L’omeopatia per prevenire l’influenza e curare gli stati influenzali

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: gli stati influenzali, frequenti tra novembre e marzo, possono essere riconducibili a un raffreddamento o a un’infezione imputabile...

Nutrienti: più ne riceviamo, meno ne produciamo?

Personalmente, sono convinta dell’importanza degli integratori alimentari. Ma che cosa si può replicare ai loro detrattori, che affermano che il corpo si impigrisce ricevendone?