Home Corpo Apparato digerente Non permettiamo all'insonnia di rovinarci… un terzo della vita!

Non permettiamo all’insonnia di rovinarci… un terzo della vita!

Secondo alcune stime recenti, dormiamo mediamente un'ora in meno di 20 anni fa; in parallelo, la frequenza dei casi di burn-out è in costante aumento. Non c'è da stupirsene: il nostro stile di vita frenetico, con la sua corsa sfrenata alla produttività, ci induce a sacrificare ciò che ai nostri occhi rappresenta una perdita di tempo. Eppure…
 

Circa un terzo della nostra vita lo passiamo tra le braccia di Morfeo! Un sonno qualitativamente o quantitativamente sufficiente è una condizione imprescindibile per rimanere in buona salute, mentre l'insonnia provoca, a medio o a lungo termine, i disturbi più disparati: stanchezza cronica, difficoltà di concentrazione, calo dell'immunità, problemi gastrointestinali, ipertensione, depressioni,ecc.

Agire senza indugiare

La terapia dell'insonnia richiede innanzi tutto che se ne elimini la causa (stress, abuso di nicotina e di caffeina, sedentarietà, disturbi organici, quali dolori o tosse, rumori molesti, ecc.). Vanno inoltre adottate alcune salutari misure dietetiche e di igiene di vita, quali il rilassamento, la pratica del pensiero positivo, un'attività fisica dolce e regolare, oltre che naturalmente un'alimentazione equilibrata.
L'assunzione di un ipnotico va presa in considerazione solo se queste misure non hanno dato l'esito sperato.
I sonniferi di libera vendita sono di origine vegetale (valeriana, passiflora, melissa, ecc.) o di sintesi (antistaminici, come per es. la difenidramina). I primi sono ben tollerati, ma destinati alle insonnie leggere, i secondi sono più efficaci. La difenidramina in particolare comporta diversi vantaggi, fra i quali un’azione rapida che induce l'addormentamento nell'arco di 15-30 minuti. L'escrezione avviene 4-6 ore dopo, il che assicura facilità di risveglio e buona tollerabilità. Rappresenta pertanto una soluzione valida in caso di insonnia transitoria o occasionale.
Se invece l’insonnia dura da più di 2-3 settimane, è necessario consultare il medico.

Rita Ducret-Costa
Caporedattore di vitamag®, farmacista laureata all'Università di Bologna, nutrizionista e omeopata.

Da leggere anche

Diarrea?

Carbolevure® contiene due sostanze naturali che si completano: il carbone attivo e il lievito. Il carbone lega le sostanze tossiche, mentre il lievito regolarizza...

Una benda con effetto refrigerante e funzione di sostegno pronta per l”uso

Un doloroso incidente sportivo che richiede soccorso rapido capita per lo più inaspettato, fuori casa, in luoghi con poche infrastrutture.

Anche i capelli possono essere un problema spinoso

Vorrei ridare volume, vitalità e splendore ai miei capelli secchi e rovinati. Cosa posso fare?

Vitamine e altri nutrienti: più ne riceviamo, meno ne produciamo?

Secondo alcuni detrattori degli integratori alimentari, a lungo andare il corpo si impigrisce quando ne riceve. In altri termini: maggiore è la quantità di...