Home In primo piano Uno dei principali oligoelementi

Uno dei principali oligoelementi

Scoperto nel 817 per la sua tossicità, oggi il selenio è noto per le sue proprietà benefiche estremamente importanti, anche se rimane tossico in dosi elevate.

Le tre principali azioni del selenio sono le seguenti:

• Quale componente dell’enzima glutatione perossidasi, è uno degli elementi antiossidanti più potenti. Contrasta tutti i fenomeni di degenerazione ossidativa (cataratta, artrosi, arteriosclerosi, invecchiamento precoce, ecc.).
• Stimolando la produzione di anticorpi, tra l’altro, stimola anche il sistema immunitario.
• Attiva gli ormoni tiroidei. Perciò una carenza di selenio può causare un’ipofunzione della tiroide.
Il contenuto di selenio negli alimenti dipende dalla quantità presente nel suolo di questo oligoelemento. La Svizzera è uno dei paesi con bassi livelli di selenio, così come la Scandinavia, l’Europa centrale, la Nuova Zelanda, ecc.

Le fonti

Gli alimenti più ricchi di selenio sono aringhe, tonno, sardine, fegato di vitello, semi di soia e pane integrale.

Le carenze e le loro cause

Le possibili conseguenze delle carenze: aumento del rischio di cancro, indebolimento del sistema immunitario, cardiopatia, debolezza muscolare. Le loro cause: assunzione insufficiente, malattie del tratto gastrointestinale, carico di metalli tossici.

Maggiori informazioni sui cambiamenti climatici e il selenio (solo in francese):

Questo contenuto purtroppo non è disponibile in italiano, ma può essere consultato nelle seguenti lingue DE, FR, EN

 

 

Articolo precedenteAi nostri lettori
Prossimo articoloCombattere il raffreddore
Rita Ducret-Costa
Caporedattore di vitamag®, farmacista laureata all'Università di Bologna, nutrizionista e omeopata.

Da leggere anche

Cuore matto

In caso di fibrillazione atriale, il cuore si contrae in modo anarchico, rapido e irregolare. Questa patologia, a volte asintomatica, può manifestarsi con affaticamento, mancanza di fiato e/o malessere toracico.

Vitamina C e zinco: quando l’unione fa la forza

La vitamina C (chiamata anche acido ascorbico) e l'oligoelemento zinco svolgono un ruolo fondamentale nel buon funzionamento del nostro sistema immunitario. Agiscono in sinergia...

Le gambe mi fanno male!

Caviglie gonfie, gambe pesanti e dolenti, formicolii, talvolta crampi notturni ai polpacci: le malattie venose sono tra le più comuni nella nostra società.

E i dolori sono presto dimenticati

Con lo stress a cui siamo quotidianamente esposti, è raro trovare qualcuno che non soffra mai di mal di testa. L’ibuprofene arginato è un...

Il dolore, amico o nemico?

Il dolore ci mette in difficoltà, pur volendo il nostro bene. Senza di lui, rischieremmo di ferirci gravemente o di ammalarci senza rendercene conto e senza reagire tempestivamente. In genere, il dolore scompare rapidamente quando se ne cura la causa. Se invece la causa permane o risulta impossibile da curare o da individuare, il dolore rischia di cronicizzarsi.