Una tappa inevitabile e temuta

Tutti i bambini devono attraversarla, prima o poi. Per alcuni, i più fortunati, è un periodo che passa quasi inavvertito, ma la maggior parte vive dei momenti difficili. Stiamo parlando naturalmente della nascita dei primi dentini!

Il primo dentino spunta per lo più intorno ai 6-8 mesi. Non ci sono regole, tuttavia, perché il processo può iniziare in qualsiasi momento tra i 3 e i 24 mesi. Pare addirittura che l'imperatore Napoleone sia nato con i denti, con grande disperazione della balia! Ci sono sintomi che non passano sicuramente inosservati ai genitori. Spesso le gengive sono gonfie e infiammate, con salivazione abbondante, febbre moderata, notti difficili e cattivo umore del bambino. L'obiettivo numero uno si riassume in due sole parole: dare sollievo! Esistono numerose astuzie: gel da dentizione, anelli da mordicchiare, cibi freddi e tutto l'amore dei genitori. Gli analgesici vanno somministrati solo in caso di forti dolori, preferibilmente dietro consiglio del pediatra, poiché i sintomi potrebbero mascherare un'infezione otorinolaringoiatrica. Terapia dolce per eccellenza, sprovvista di effetti secondari, l'omeopatia propone una soluzione rapida e molto efficace per questa indicazione.

Le soluzioni orali omeopatiche, una risposta pratica e igienica

Nell'arsenale omeopatico, esiste sul mercato una preparazione liquida dal gusto gradevole, disponibile in flaconcini monodose sterili. In genere, i bambini non si fanno pregare per prendere questo rimedio! L'altro vantaggio è che si tratta di una formula composta, che agisce su tutti i sintomi. Chamomilla allevia i dolori e contrasta la febbre e l'irritabilità. Phytolacca agisce sulla salivazione eccessiva e sull'infiammazione delle gengive. Infine, Rheum tratta la diarrea e il conseguente arrossamento del sederino.

Articolo precedenteSmettete di rimuginare!
Prossimo articoloUna scossa al metabolismo!

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -

Articoli Recenti