Home Corpo Bocca Lo spazio interdentale, sede privilegiata della carie

Lo spazio interdentale, sede privilegiata della carie

Già nell’età della pietra l’uomo era solito pulirsi i denti con ramoscelli o pezzetti di legno. Con il passare del tempo, questi strumenti rudimentali hanno ceduto il passo agli attuali strumenti high-tech. Oggi disponiamo inoltre di vari accessori appositamente studiati per l’igiene degli spazi interdentali.

Quali accessori? Per quali applicazioni?

Esistono vari tipi di filo interdentale. Per i principianti, o per chi ha i denti strettamente addossati, la soluzione ideale è il filo dentale cerato, che scivola meglio sullo smalto. Viceversa, l’azione pulente del filo interdentale non cerato è migliore, perché non lascia depositi di cera sui denti, anche se tende a sfilacciarsi e il suo utilizzo richiede un po’ di esperienza. Il filo interdentale è molto efficace per l’igiene degli spazi interdentali. Se male utilizzato, tuttavia, rischia di danneggiare la gengiva. Per questo motivo, prima di lanciarsi, è preferibile chiedere ad una persona competente una dimostrazione del corretto utilizzo.

Per gli apparecchi dentali a bracket incollati, esistono particolari fili interdentali espansi, dall’estremità rinforzata per facilitarne l’inserimento. Il filo, morbido e simile a lana, presenta una mag­giore superficie di contatto, e pulisce perfettamente la zona dei bracket.

Gli scovolini interdentali sono formati da un filo metallico munito di piccole spazzole. Ne esistono di più o meno grandi, per adattarsi alle dimensioni degli spazi interdentali. Per gli spazi aperti gli scovolini sono più efficaci del filo interdentale.

Gli stuzzicadenti e i brush-stick sono particolarmente adatti in caso di elementi dentali mancanti. Anche i bastoncini di ovatta consentono l’applicazione di soluzioni.

Da leggere anche

Le tisane e i raffreddamenti

La tendenza attuale, che privilegia le medicine e i rimedi naturali, si è tradotta in un rinnovato interesse per le tisane, il cui ruolo è importante soprattutto nelle malattie «automedicabili» come il banale raffreddamento.

I benefici della radice di ginseng

Nota per la sua forma caratteristica, che ricorda un essere umano, la radice di ginseng è utilizzata ed apprezzata da tempo immemorabile nei paesi asiatici. Sebbene la sua storia in Occidente sia meno lunga, i suoi adepti sono altrettanto fervidi, e non a torto: le proprietà del ginseng sono (pressoché) innumerevoli.

Edelcare baby: la solution innovante, sûre, efficace et spécifique aux inconforts des bébés

Edelcare, une nouvelle gamme de produits naturels et bio utilisant les propriétés de l’Edelweiss et des plantes issues des Alpes suisses, pour lutter contre...

Quando la pelle cicatrizza difficilmente

Una cattiva cicatrizzazione delle ferite può dipendere da carenze nutrizionali? Sì, soprattutto di vitamina C, silicio e zinco.  In misura inferiore, possono avere un’incidenza anche...

Chili di troppo? Liberatevene senza fatica con OBESIMED®

Perdere peso senza avere fame, senza dover costantemente contare le calorie e senza per­dere il buonumore? Obesimed® vi può aiutare. Obesimed® è un presidio...