L’aria fredda mette la pelle a dura prova

pelle e freddo

La pelle si compone di tre strati: ipoderma, derma ed epidermide. L’ipoderma è solcato da numerosi nervi e vasi sanguigni. Il derma è costituito da ghiandole sebacee e sudoripare nonché da fibre connettive che assicurano la tenuta e l’elasticità della pelle.

Lo strato esterno dell’epidermide è formato dallo strato corneo. Per proteggere la pelle dalle aggressioni esterne, è fondamentale che lo strato corneo sia integro. Dalle sue condizioni dipende anche la qualità del sistema idrolipidico.

Una cura ideale per l’inverno

La pelle carente di acqua o lipidi diventa secca e rugosa. Tende a desquamarsi, si screpola, tira e perde la propria elasticità. Non di rado compaiono arrossamenti, pruriti o anche infiammazioni.

L’applicazione della Cold Cream dà sollievo alla pelle bistrattata. Molto apprezzata da tutta la famiglia, protegge e ristruttura la pelle sensibile, secca o molto secca. Il nome della crema deriva dall’effetto rinfrescante che si ottiene fin dalla prima applicazione. Arricchita di cera d’api, la Cold Cream accelera la rigenerazione della pelle secca. I suoi oli minerali facilitano l’immagazzinamento dei lipidi nella cute.

Il suo effetto liporestitutore riequilibra lo strato protettivo della pelle, che torna a essere morbida ed elastica. Lo strato corneo, tornato liscio, può riprendere ad assicurare efficacemente la propria funzione di barriera. Una pelle adeguatamente curata risulta meno sensibile agli scarti di temperatura provocati dai rigori esterni e dal calore degli ambienti interni.