L’acqua del rubinetto… è naturale!

acqua del rubinetto
L'acqua del rubinetto contiene molti oligoelementi e sali minerali.

Scommettereste solo sull’acqua in bottiglia venduta nei supermercati? Sbagliate: l’acqua del rubinetto merita un po’ più riconoscimenti per le sue proprietà.

Perché, durante il suo viaggio, l’acqua, proveniente da falde sotterranee, laghi o fiumi, è ricca di oligoelementi e minerali. Calcare, fluoro, magnesio: ogni tipo di acqua di rubinetto ha una propria composizione e anche un suo proprio gusto.

Ma ciò che dà all’acqua del rubinetto una cattiva immagine è spesso il suo contenuto di calcare. Tuttavia, la sua presenza apporta una parte della dose giornaliera raccomandata di carbonato di calcio: dal 5 al 15%, corrispondente a 900 mg per un adulto.

Questo oligoelemento non è l’unico presente nelle falde freatiche. Anche il magnesio lo è, come ad esempio il fluoro, essenziale per prevenire la carie, o anche il selenio, un potente antiossidante per il sistema immunitario.

L’altro vantaggio dell’acqua del rubinetto, è rappresentato dai minerali che contiene e di cui il corpo ha bisogno: solfati, cloruri, nitrati, bicarbonati… le leggi europee impongono ai paesi membri di fornire un’acqua di rubinetto equilibrata in sali minerali e oligoelementi.

Oggi gli unici rischi sono rappresentati dai tubi di piombo. L’acqua del rubinetto, per essere sana, deve contenere meno di 10 microgrammi di piombo per litro. Per essere sicuri di non ingerire il metallo, lasciare scorrere l’acqua di rubinetto per qualche secondo prima di bere, in modo da rimuovere eventuali residui.