Array

La carnitina, una panacea, ma non per la linea!

La carnitina è un aminoacido che svolge un ruolo essenziale nella trasformazione del grasso in energia. Quest’affermazione non riguarda però chi segue una dieta ipocalorica, bensì gli atleti di sport di endurance che si allenano in modo intensivo!

La carnitina ha però molte altre proprietà interessanti.

I muscoli

Trattandosi di una sostanza che fornisce molta energia, può aiutare chi soffre di affaticamento cronico. È una fonte di energia per tutti i muscoli e può risultare interessante nelle patologie che colpiscono il sistema muscolare, per esempio nella distrofia muscolare.

Il cuore e i vasi sanguigni

Nello specifico, la carnitina è utile al cuore (muscolo cardiaco), che può aiutare in caso di angina pectoris e insufficienza cardiaca. Può anche prevenire i disturbi del ritmo cardiaco.
Oltre a trasformare i grassi corporei in energia (a certe condizioni, come si è visto), converte anche i lipidi sanguigni (trigliceridi e colesterolo) facendo innalzare il colesterolo HDL, quello «buono».
Questo aminoacido dalle molte virtù svolge un ruolo importante non solo nella disintossicazione del fegato, principale sede della sua sintesi, ma anche nell’eliminazione delle tossine e dei metaboliti dei farmaci.

Le fonti e gli integratori

Le principali fonti di carnitina sono naturalmente di tipo muscolare: carne ovina, bovina e suina con i relativi filetti. Gli integratori possono contenerne fino a 4 g, con un solo effetto secondario, peraltro raro: la diarrea.

È utile sapere che:

Durante la gravidanza e l’allattamento, le donne presentano un maggior fabbisogno di carnitina. Quando questo fabbisogno non viene coperto, possono accusare debolezza ed affaticamento.

Fonte: https://www.mda.org/disease/metabolic-myopathies/types/carnitine-deficiency

Rita Ducret-Costa
Caporedattore di vitamag®, farmacista laureata all'Università di Bologna, nutrizionista e omeopata.

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -

Articoli Recenti