Kevin Mbabu: un diamante grezzo!

top e n t e t e a t e t e a v e c

C'è stata un'epoca in cui i giocatori di calcio svizzeri che giocavano all'estero erano eccezioni molto rare. Lo "Swiss Made" non aveva alcun valore nel pianeta calcio. È cambiato tutto. I giocatori vizzeri sono di moda. Adesso ce ne sono più di cinquanta che giocano in grandi campionati stranieri. La Svizzera è un vivaio di talenti. Uno di questi è Kevin Mbabu. Un vero e proprio diamante grezzo.

 

 

Kevin Mbabu, dove ha dato i primi calci al pallone?

Sono nato a Ginevra, per essere precisi a Chêne-Bougeries. Ho iniziato a giocare a calcio con gli juniores del Servette FC.

Come Philippe Senderos e Johan Djourou, anche lei è andato all'estero quand'era giovanissimo, in Inghilterra. Aveva solo diciassette anni. Che
ricordo le ha lasciato quest'esperienza?

È stato molto difficile. Era tutto nuovo, compresa la lingua. Inoltre, ho subito molti infortuni che hanno complicato tutto. Avevo una sensazione di incompiutezza, pur avendo vissuto un'ottima esperienza, tra cui 3 partite di "Premier League" e 2 di Coppa.

Ha fatto benissimo a tornare in Svizzera nel 2017! Lei è uno dei giocatori più importanti della BSC Young Boys, con cui è alla guida del  campionato svizzero e con cui si è qualificato per la finale della Coppa. Dove sarà il futuro di Kevin Mbabu? Ha intenzione di ripartire all'estero?

Con la BSC Young Boys, stiamo attraversando un periodo fantastico, ma non abbiamo ancora vinto nulla. Mi concentro sul presente e lo vivo pienamente. Mi impegno al 100% per il mio club e per vincere il campionato o la Coppa svizzera.

A proposito di impegno, lei è un laterale destro molto apprezzato per il suo ruolo nella partita, che spesso risulta decisivo sul piano offensivo. Come lo spiega?

Quand'ero negli juniores, giocavo come attaccante prima di essere messo in difesa. All'epoca, non ero molto entusiasta di questo spostamento. Sono diventato un laterale destro a vocazione offensiva.

Lei è stato regolarmente selezionato nelle nazionali giovanili. Sta facendo una splendida stagione e, a 23 anni, si parla spesso di lei come uno dei giocatori che potrebbero entrare nella rosa dei selezionati per la Nati…

È un sogno fin dall'infanzia! Giocare per la propria squadra nazionale e rappresentare il proprio paese è una grande fonte di motivazione. Continuo a lavorare sodo, senza fissarmi limiti.

Lei ha citato i tanti infortuni subiti in Inghilterra. Quali sono i suoi rapporti personali con la salute e l'igiene di vita?

All'epoca, non vi prestavo molta attenzione. Da quando gioco con la BSC Young Boys, sono molto più attento all'alimentazione, alle ore di sonno. Negli ultimi due anni, sono stato risparmiato dagli infortuni.

 

Dichiarazioni raccolte da Serge C. Ducret l'8 marzo 2018, www.vitamag.ch
Photo credit: BSC Young Boys, www.bscyb.ch