Come posso prevenire le malattie venose e riacquistare gambe leggere?

riguadagnare gambe leggere
Le malattie venose colpiscono soprattutto le donne.

Il numero di donne che soffrono di malattie venose è il doppio rispetto a quello degli uomini. Tali disturbi non devono però essere considerati una fatalità: è possibile evitarli quasi completamente e alleviarli.

Le malattie venose si manifestano in particolare sotto forma di edemi, a caviglie e polpacci, nonché di varici. Spesso iniziano con sintomi non visibili dall’esterno: gambe pesanti, tensioni, pruriti e bruciori ai polpacci.

Complicazioni

I gonfiori sono la conseguenza di un aumento della permeabilità delle pareti capillari e venose. Le varici, invece, si formano quando sono danneggiate le valvole venose, che all’interno delle vene permettono al sangue di tornare al cuore. Se la circolazione verso l’alto rallenta, il sangue ristagna nelle vene dilatandole. Senza contromisure, con il tempo questa dilatazione non regredisce più.

Una frequente complicazione in caso di malattie venose è la flebite (infiammazione della vena). Inoltre, il sangue tende a coagulare quando entra in contatto con una vena malata. Così si forma un coagulo di sangue, che ostacola la circolazione o la blocca completamente (tromboflebite).

Motivi e soluzioni

In caso di una malattia venosa entrano spesso in gioco diversi fattori: predisposizione, postura eretta per troppo tempo, sostegno muscolare insufficiente, sovrappeso, ecc. Anche il caldo aggrava la situazione, bisognerebbe quindi evitare bagni troppo caldi e lunghe esposizioni al sole.

Hanno invece effetti positivi l’attività fisica leggera, le docce fredde e le calze compressive.

Utilizzate localmente o per via interna, alcune sostanze di origine vegetale, presenti ad es. nell’ ippocastano e nella vite rossa, possono rinforzare le pareti delle vene e ridurne la permeabilità. Gli eparinoidi, in crema o in gel, sono molto versatili. Grazie alla loro struttura simile al tessuto connettivo, penetrano negli strati più profondi dell’epidermide, dove agiscono. Questi principi attivi guariscono più velocemente i grumi di sangue e gli ematomi e aiutano già fin dai primi sintomi dei disturbi venosi.