Home Vita Menopausa Il ritmo lento di una giornata d"estate

Il ritmo lento di una giornata d”estate

Al mattino, risveglia teneramente il mare, che abbandona il suo velo blu profondo per quella trasparenza tanto apprezzata. Alle sette del mattino, ancora con il gusto del caffè sulle labbra, ci eclissiamo a terra. La vegetazione si risveglia. Non c’è neanche un rumore, solo il crepitio dei rami che si distendono. Le pietre sprigionano gli ultimi aliti di freschezza. Alcuni viaggiatori hanno dormito sulla spiaggia; sono ancora avvolti nei sacchi a pelo, al riparo dalla rugiada. In questa atmosfera, la passeggiata mattutina diventa un percorso di riflessione.

Ritorniamo alla barca prima che il sole raggiunga lo zenit. Iniziano le ore calde e soffocanti. L’atmosfera sonnolenta è perturbata solo dalle vibrazioni del calore. Al gusto raffinato del relax, della siesta o della lettura si mescolano i sapori della frutta dolce e matura. Un bagno rinfrescante, non c’è niente di più facile a bordo di una barca! Basta saltare dal cockpit, il nostro balconcino!

Alcuni segni di fatica solcano l’acqua con sfumature di colore arancio. Le barche da pesca rientrano in porto, seguite da una scia di gabbiani rosei. Scendiamo a terra per trattare l’acquisto di due orate, un pesce che ci piace per il gusto e per il suo valore nutrizionale. Lo passiamo in forno una ventina di minuti, condito solo con un filo di olio d’oliva, qualche fettina di limone e un po’ di erbe aromatiche. Non c’è bisogno di piatti complicati, preferiamo le cose semplici, con un bicchierino di vino. Assaporiamo il nostro pasto all’esterno.

Le prime stelle accendono il cielo, anche se il sole, che sembra non avere ancora voglia di coricarsi, lascia trascinare dietro di sé una scia rossa fiammeggiante. I turisti passeggiano in riva al mare. I ristoranti all’aperto si riempiono, la luce delle candele si rispecchia nelle acque tranquille del porto. La notte accende la rada. È il trionfo dell’Orsa maggiore. È ora di raggiungere i nostri sogni, nel bel mezzo della freschezza della notte.

Articolo precedenteAhi, la pancia…
Prossimo articolo

Da leggere anche

Sapevate che…

… in Svizzera ogni anno annegano varie decine di persone? Una parte di questi incidenti è riconducibile all’alcol, che aumenta la propensione al rischio...

Per vivere meglio e per crescere: ispiratevi allo stoicismo

Spesso, di fronte agli eventi della vita, il nostro atteggiamento non è abbastanza distaccato. Dimentichiamo di metterci in posizione meta. Per capirne il significato...

A quattrocchi con… Tanja Bühlmann

Una sportiva appassionata ed entusiasta Da quanto tempo pratica il triathlon? Perché questa scelta? Il triathlon è la mia passione da più di 10 anni. È una...

Le tisane nelle infiammazioni della vescica

In caso di cistite (infiammazione della vescica) è assolutamente necessario bere in abbondanza.  La soluzione ideale è rappresentata dalle apposite tisane.

Domanda dell’edizione vita-OTC n°9

Nell’esercizio quotidiano della sua professione, è confrontato/a a casi di acidosi?