Il più svizzero degli hockeisti russi… e viceversa!

Wjatscheslaw Arkadjewitsch Bykov, detto Slava, è nato nel 1960 a Čeljabinsk (ex URSS), in Russia. Pur essendo di piccola statura (1,73 m), è un grande uomo e un grande hockeista. Nonostante il suo curriculum fantastico, è sempre rimasto sincero, semplice, sobrio… semplicemente straordinario.

Slava, perché e come hai iniziato a dedicarti all’hockey su ghiaccio?

Mi piacevano moltissimo il calcio e i giochi sul ghiaccio. Ho scelto l’hockey perché mi affascinava scivolare sul ghiaccio!

Il tuo talento si è fatto presto notare.Ci puoi sintetizzare i tuo risultati con le diverse squadre russe e a livello internazionale? Lo scenario in cui ti sei mosso è quello di tre paesi in piena transizione: l’URSS, la C.S.I. (Comunità degli Stati Indipendenti), oltre naturalmente alla Russia…

Ho iniziato a Čeljabinsk.Ho successivamente raggiunto il CSKA Mosca, con cui ho vinto il campionato dell’URSS. Questo club prestigioso era la migliore squadra europea. A livello internazionale, sono stato capitano delle tre squadre che hai citato. Ho vinto cinque titoli mondiali e sono stato due volte campione olimpico. Nel 1989 a Stoccolma, ho avuto la soddisfazione di essere eletto miglior centro del campionato del mondo.

Quando sei venuto in Svizzera, hai fatto sognare gli spettatori di tutta la nazione, e vissuto una bellissima avventura con i draghi dell’HC Friborgo-Gottéron…

Ho giocato per 7 stagioni per il Gottéron. Une meravigliosa avventura con una media di 2,02 punti a partita, ma anche con un rimpianto: non aver vinto il campionato svizzero per i suoi fantastici tifosi. Ho poi giocato altri due anni con l’HC Losanna.

Parliamo di Slava Bykov, l’allenatore di successo che colleziona titoli di prestigio…

Ho allenato il CSKA Mosca, poi Oufa, con cui ho vinto la coppa Gagarin nel 2011. Tra il 2006 e il 2011, ho assunto la direzione della squadra nazionale russa, vincendo due volte il campionato del mondo, a quindici anni di distanza dall’ultimo titolo.

Sposato con Nadia dal 1982 e padre di due figli (Masha e Andrei), la tua famiglia ha sempre svolto un ruolo fondamentale.

È la mia fonte di equilibrio. A parte la voglia di scoprire il mondo, è stata una delle ragioni per cui ho lasciato l’URSS e la mia vita in caserma. Volevo passare più tempo con la famiglia.

Che cos’hai provato nel ricevere tante ovazioni come allenatore russo in occasione del campionato del mondo in Svizzera? E poi vedendo tuo figlio nella squadra svizzera?

Ero molto commosso. Io sono russo, ma la mia seconda patria è la Svizzera. Per quanto riguarda Andrei, ne sono orgoglioso. Sta facendosi strada e indossare la maglia di una squadra nazionale rappresenta un valore importante.

Che cosa significa per te la salute? E vorresti aggiungere qualcosa che ti sta a cuore?

Bisogna rispettare il proprio corpo, i segnali che ci manda. È necessario averne cura. Sono diventato quello che sono grazie allo sport, e lo difenderò sempre. Siamo tutti campioni in funzione degli obiettivi che ci prefiggiamo.