Il medico a cui piaceva l’hockey

Conoscete il Dott. Carl Spengler?

Il Dott. Carl Spengler (1860-1937) è nato a Davos. Ha studiato medicina in Svizzera e in Germania. Conseguita la specializzazione in batteriologia, divenne collaboratore del padre, Alexander Spengler, anch'egli medico e fondatore del centro di cura di Davos.

Nel corso di questo periodo, il Dott. Carl Spengler si interessò particolarmente alla tubercolosi pubblicando diversi lavori che suscitarono l'interesse del Dott. Robert Koch. Il celebre batteriologo insignito del premio Nobel, e a cui si deve la scoperta del bacillo della tubercolosi, invitò Carl Spengler nel suo istituto di Berlino. Rientrato a Davos, Spengler esercitò come medico specialista nel campo delle cure climatiche e termali. In parallelo, portò avanti le proprie ricerche, che sfociarono nella messa a punto dell'immunoterapia Spenglersan, vicina ai principi dell'omeopatia.

L'immunoterapia o terapia immunitaria secondo il Dott. Spengler

Questo metodo terapeutico è fondato sull'utilizzo di "immunomodulatori microbiologici", ovverosia microscopiche sostanze che funzionano come i vaccini. Si tratta di ceppi di batteri dinamizzati secondo il metodo omeopatico, che oltre a potenziare le difese immunitarie del paziente, ne rafforzano la costituzione di fondo.

I medicamenti di Spengler, denominati Spenglersan, immunizzano in modo attivo (stimolando il sistema immunitario a produrre anticorpi) e contemporaneamente passivo (agiscono anche quando l'immunizzazione attiva non è andata a buon fine per l'indebolimento dell'immunità dell'organismo).
Secondo il Dott. Spengler, il corpo non deve lottare solo contro i virus e i batteri, ma anche contro i "veleni" prodotti dai microrganismi patogeni. Quando non vengono eliminate, queste sostanze tossiche si accumulano nei tessuti, perturbano le funzioni dell'intero organismo e provocano malattie croniche che si trasmettono da una generazione all'altra. Sopprimere i sintomi della malattia, certo, ma anche e soprattutto la causa che l'ha provocata, ovverosia l'intossicazione ereditaria: questo era il credo del Dott. Spengler.

L'immunoterapia Spenglersan si basa sul principio che molte malattie derivano da un mix di infezioni, allergie, disturbi del sistema immunitario o difetti dell'autoimmunità. Gli Spenglersan hanno quindi un ampio spettro terapeutico. I principali ambiti di applicazione sono:
• le infezioni virali (raffreddore, influenza, ecc.) e batteriche (sinusite, bronchite, ecc.), sia a scopo preventivo che curativo,
• le allergie,
• la detossicazione,
• l'ipertensione,
• le malattie reumatiche,
• i dolori cronici,
• le malattie croniche.

Come i rimedi omeopatici, anche i prodotti immunoterapici non provocano effetti indesiderati, non interagiscono con altri medicamenti e possono essere utilizzati da tutti i componenti della famiglia. Vengono somministrati mediante spray, sia per uso esterno che interno.

Chi non conosce la Coppa Spengler?

Carl Spengler fu anche un appassionato di sport e uno dei principali protagonisti e fondatori del celebre torneo di hockey sul ghiaccio. La coppa che premia il vincitore porta il suo nome per l'eternità… Spengler!
La prima edizione della Coppa Spengler si è svolta a Davos nel 1923, in un clima di tensioni internazionali persistenti, dopo la fine della Grande Guerra. Carl Spengler ebbe l'idea di fare incontrare alcune squadre europee nell'ambito di un torneo internazionale di hockey sul ghiaccio. Il suo obiettivo era quello di ripristinare un clima di fiducia e di alimentare l'amicizia. La Coppa Spengler nacque così! La Coppa rimane tuttora la più antica competizione di hockey sul ghiaccio del Vecchio Continente.

Durante le Feste di fine anno, sei squadre di alto livello offrono uno spettacolo unico nella località dei Grigioni, in cui si respira un clima straordinario. L'HC Davos è la squadra che ha sollevato al cielo con maggior frequenza il prestigioso trofeo, seguita dal Team Canada. La competizione, le attività di sponsoring e il business dello sport sono diventati sempre più importanti. L'interesse dei media ha continuato a crescere, ma la Coppa Spengler rimane uno dei principali eventi dell'hockey sul ghiaccio, seguito con passione da moltissimi fan.

Articolo precedenteLa forza serena
Prossimo articoloUna sfida a 2 ruote
Serge C. Ducret
Éditeur de vitamag®

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -

Articoli Recenti