Home Communiqués de presse comparis.ch sull?evoluzione dei premi per le assicurazioni complementari ospedaliere - Nessuna riduzione...

comparis.ch sull?evoluzione dei premi per le assicurazioni complementari ospedaliere – Nessuna riduzione generale dei premi all?orizzonte

Il prossimo anno sarà introdotto un nuovo finanziamento ospedaliero. Di conseguenza l’assicurazione complementare ospedaliera viene enormemente alleggerita per varie ragioni. Ad esempio, tutti gli assicurati potranno beneficiare di cure ospedaliere anche fuori dal proprio cantone di residenza, mentre finora, per poterlo fare, era necessaria un’assicurazione complementare. Se l’assicurazione complementare ospedaliera viene alleggerita, almeno sul lungo termine i premi dovrebbero diminuire considerevolmente. Un sondaggio condotto dal servizio di confronto internet comparis.ch mostra tuttavia che per il prossimo anno non c’è da aspettarsi nessuna riduzione generale dei premi dell’assicurazione complementare ospedaliera.

comparis.ch ha interrogato più di 25 casse malati a proposito dell’evoluzione dei premi per l’assicurazione complementare ospedaliera. Solo due casse hanno dichiarato di diminuire tali premi. Presso Concordia i premi per il supplemento assicurativo «reparto comune in tutta la Svizzera» diminuiranno fino a un massimo del 10 per cento. Presso Sympany i premi per lo stesso complemento si ridurranno per oltre l’80 per cento degli assicurati di un valore medio pari al 20 per cento a livello nazionale. Inoltre, almeno per il prossimo anno, le casse malati del gruppo Helsana accordano alle persone in possesso di un’assicurazione complementare un’«agevolazione volontaria del 5 per cento» su tutte le assicurazioni complementari ospedaliere, quindi anche per i supplementi privati o semi-privati. Quattro casse malati non hanno fornito informazioni a comparis.ch. Per gli assicurati di tutte le altre casse malati i premi rimangono, nell’ipotesi migliore, gli stessi, mentre in casi singoli se ne delinea addirittura un aumento.

Per risparmiare: controllare il supplemento «reparto comune»

Sulla base dei risultati del sondaggio di Comparis molti assicurati non possono contare di risparmiare sull’assicurazione complementare ospedaliera il prossimo anno. Coloro che, nonostante il mancato verificarsi di una riduzione presso molte casse, desiderano pagare meno di adesso, farebbero bene a controllare la propria situazione assicurativa. In particolare il tanto amato complemento «reparto comune in tutta la Svizzera» sarà necessario solo per le cure ospedaliere al di fuori del cantone di domicilio, se nel cantone di cura le tariffe risultano più alte rispetto a quelle del cantone di domicilio stesso. «Chi abita in un cantone con un’ampia offerta ospedaliera non necessita per forza di cose del supplemento per il reparto comune in tutta la Svizzera» dichiara Jonas Grossniklaus, esperto di casse malati presso comparis.ch. Presso molte casse malati l’assicurazione complementare deve essere disdetta entro la fine di settembre.

Le tariffe non sono ancora chiare

Chi disdice adesso il complemento «reparto comune in tutta la Svizzera» deve comunque essere consapevole del fatto che le tariffe cantonali non sono ancora state stabilite. Perciò non è ancora noto in quali cantoni è possibile farsi curare alle tariffe del cantone di domicilio.

Il fatto che la situazione tariffaria non sia chiara potrebbe essere anche per le casse malati un motivo importante per non operare ancora la riduzione dei premi. «Non appena saranno noti gli effetti del nuovo finanziamento, molte casse malati potrebbero prendere di nuovo in esame una riduzione dell’assicurazione complementare ospedaliera» afferma Grossniklaus.

Ulteriori informazioni:

Jonas Grossniklaus
Esperto di casse malati
Telefono: 044 360 34 00
E-mail: [email protected]
www.comparis.ch/krankenkassen

Da leggere anche

Nuova strategia nazionale del DFI per la lotta alla tubercolosi

D'intesa con i direttori cantonali della sanità, il Dipartimento federale dell'interno (DFI) intende, por mezzo di una strategia nazionale, lottare contro la tubercolosi. L'obiettivo è mantenere sotto controllo la diffusione della malattia e le sue ripercussioni mediche e sociali, nonché, al contempo, migliorare il coordinamento delle attività di Confederazione e Cantoni e impiegare al meglio le risorse disponibili.

Un allargamento benvenuto

Si ritiene che il 70% della popolazione svizzera ricorra alle medicine complementari, omeopatia compresa. Per i pazienti questi metodi non rappresentano un sostituto completo della medicina classica ma piuttosto un supporto . Tuttavia, sul filo degli anni, questi ultimi hanno conquistato un posto rilevante fra le altre discipline e i loro risultati terapeutici meritano ampiamente il riconoscimento da parte del nostro sistema assicurativo.

L”acqua minerale, dal rimedio alla bevanda di moda

Nella letteratura scientifica del XIX secolo e dell’inizio del XX secolo, le acque minerali avevano un ruolo preponderante. Leggete il seguito … PDF solo in...

Analgesici: quale, e per chi?

L'analgesia è una pratica antica e gli antidolorifici hanno dimostrato da tempo la loro efficacia. Ciò nonostante, nell'automedicazione non si può fare di tutta un'erba un fascio.

Nuovo: bianco delicato anche per denti sensibili

Il dentifricio elmex® SENSITIVE PROFESSIONAL è disponibile fin da oggi anche nella variante aggiuntiva «plus bianco delicato». L’esclusiva tecnologia Pro-Argin occlude in modo diretto...