Home Corpo Gengive

Gengive

Come prendersi cura dei denti durante una terapia omeopatica

Durante una terapia di omeopatia classica, è preferibile rinunciare agli aromi e ai profumi troppo intensi.

I denti da latte, un capitale da proteggere con cura

L’igiene dentale è fondamentale fin dalla più giovane età; crea infatti le premesse per la salute della dentatura nell’età adulta.

Denti bianchi e sorriso smagliante

L’abuso di caffè, tè, vino rosso o sigarette può lasciare brutte macchie sui denti. Per eliminarle, è utile ricorrere a dentifrici dall’elevato potere sbiancante.

Una perfetta igiene dei denti e del cavo orale, grazie all”olio di melaleuca

Una gengiva solida e resistente è indispensabile per mantenere i tessuti di sostegno del dente in buona salute. Una mucosa rossa, gonfia e sanguinante è indice di un’infiammazione, dalla quale possono derivare diverse complicazioni.

Quando i denti ti fanno sudare freddo

Il contatto con il freddo, il caldo, il dolce o l’acido può essere causa di mal di denti, soprattutto quando l’avorio o dentina non è più protetto dallo smalto.

Lavarsi i denti dopo ogni pasto, un gesto fondamentale per continuare a sorridere!

Fin dall’infanzia ci viene insegnata l’importanza di lavarci i denti dopo i pasti. Attenzione però: ci sono alcuni accorgimenti importanti da rispettare!

Dal bastoncino di legno allo spazzolino da denti

Ci sono oggetti che usiamo quotidianamente senza interrogarci sulla loro origine. Lo spazzolino da denti è uno di questi. Senza spazzolino, non riusciamo neanche ad immaginare come potrebbe essere la nostra igiene dentale.

Alla salute delle nostre gengive!

Qual’è la differenza fra parodontosi e parodontite?

Lo spazio interdentale, sede privilegiata della carie

La placca dentale responsabile delle carie può essere eliminata con l’ausilio di spazzolino e dentifricio. Gli spazi interdentali rimangono però inaccessibili e richiedono cure particolari: se ne consiglia la pulizia quotidiana.

Alito cattivo, il successo del ­trattamento richiede franchezza!

Circa un quarto della popolazione soffre di alito cattivo (alitosi, nel linguaggio medico). A prescindere dal termine utilizzato, l'argomento è tuttora tabù. Ben poche persone osano affrontarlo, per timore di mettere a rischio dei buoni rapporti con gli interessati, peraltro numerosi. Ne derivano disagio, isolamento professionale e pri­vato. Talvolta ci vogliono addirittura degli anni perchè ci si decida a consultare un professionista della salute.