Carnevale e alcol: la maschera non protegge dagli eccessi

Per il periodo di carnevale, Dipendenze Svizzera vi accompagna durante i bagordi con raccomandazioni e semplici regole di base, che vi permetteranno di godervi la festa fino in fondo.

Carnevale senza rovescio della medaglia
Per molti il carnevale è un’occasione per spezzare la routine quotidiana. In questo periodo dell’anno le maschere colorate, le guggen, i fischietti, i cibi ricchi e le abbondanti libagioni la fanno da padroni. In quest’atmosfera, però, si corre anche il rischio di bere troppo. Durante i veglioni di carnevale si tende a banalizzare il consumo di alcol e i principali comportamenti a rischio. Il rovescio della medaglia dell’allegria carnascialesca sono le intossicazioni alcoliche, gli incidenti, la violenza e i rapporti sessuali non protetti. Anche gli adolescenti sono particolarmente esposti a questi rischi. Per evitare gli eccessi senza guastare la festa a nessuno, basta rispettare alcune semplici regole.

Ridurre i rischi, non il buon umore
Gli organizzatori delle feste di carnevale devono assumersi le loro responsabilità: birra e vino non possono essere venduti ai minori di sedici anni, mentre per consumare superalcolici, cocktail e alcopop bisogna averne compiuti diciotto. In quasi tutti i cantoni, inoltre, chi serve alcol a una persona ubriaca è punibile per legge. Spetta agli organizzatori proporre bevande analcoliche accattivanti e evitare di fare pubblicità agli alcolici. Chi organizza una festa di carnevale può comunque contare sul sostegno dei centri di prevenzione. Inoltre, formando il personale addetto alla mescita sulle norme legali e indicando chiaramente il limite d’età consentito per acquistare alcolici, si facilita il compito di chi serve alcolici, che può in ogni momento chiedere di vedere un documento d’identità. Dipendenze Svizzera mette gratuitamente a disposizione degli esercizi pubblici i cartelli con i limiti d’età. 

Responsabilità verso gli altri
Gli eccessi alcolici possono rivelarsi letali. Una persona sdraiata in stato d’inerzia potrebbe essere in coma etilico. È quindi molto importante non abbandonare a se stesso chi non riesce più a reggersi in piedi e, seduto o sdraiato, non è in grado di rispondere a domande elementari e non reagisce agli stimoli tattili (lievi pacche o leggeri pizzichi). In questi frangenti è fondamentale chiamare un medico o un soccorritore. In caso di dubbio, meglio contattare il n. 144.

Responsabilità per suo stesso
Durante i veglioni di carnevale, bisogna poter decidere da soli il proprio ritmo di consumo e riempire solo i bicchieri già vuoti, in modo da riuscire a tenere meglio il conto di quanto si è bevuto durante la serata. Per spegnere la sete, è consigliabile ripiegare sulle bevande analcoliche. E da ultimo, Dipendenze Svizzera vi ricorda di non mettervi al volante dopo aver bevuto, ma di assicurarvi un rientro a casa sicuro prendendo un taxi, un bus o facendovi accompagnare da un amico che non abbia bevuto. 

Articoli Correlati

- Annuncio pubblicitario -

Articoli Recenti