Capelli sani e morbidi

capelli secchi
Una carenza nutrizionali può indebolire e opacizzare i capelli.

Una capigliatura bella e ben curata è sinonimo di salute e vitalità. A ragione: l’aspetto della chioma riflette lo stato generale dell’organismo, mentre numerosi problemi di capelli sono strettamente collegati con carenze nutrizionali.

Nel menu: grassi polinsaturi e vitamina A

Una delle possibili cause dei capelli secchi è la carenza di grassi polinsaturi e/o di vitamina A.

Come gli aminoacidi, anche gli acidi grassi polinsaturi essenziali (AGPE) sono necessari alla formazione della cheratina, la proteina che costituisce il 90% di unghie e capelli. Il consumo regolare di pesce e di un olio ricco di AGPE (lino, girasole, cartamo, colza, soia ecc.) è necessario per assicurare il giusto apporto di queste preziose sostanze.

Quanto alla carenza di vitamina A, è anch’essa tutt’altro che rara, a causa di un consumo insufficiente di verdura, frutta e latticini, oppure di un aumentato fabbisogno (in particolare in caso di affaticamento oculare).

Cura naturale e nutriente

I capelli vengono inoltre messi a dura prova dai trattamenti cosmetici troppo aggressivi, come spazzolature eccessivamente vigorose, lavaggi frequenti, shampoo decapanti, cotonature, colorazioni o permanenti, freddo intenso, bagni al mare o in piscina.

Per restituire morbidezza e brillantezza ai capelli secchi, opachi e rovinati bisogna adottare alcune misure nutrizionali, integrandole con opportuni trattamenti cos­me­­tici. Per ripristinare l’integrità del film lipidico e ristrutturare il fusto del capello è disponibile una gamma completa a base di shampoo nutriente, balsamo dopo-shampoo, trattamento fluido senza risciacquo nutritivo e protettivo e maschera riparatrice.

Tra i principi attivi che nutrono il capello, vale la pena di ricordare il burro di mango, ricco di acidi grassi a catena lunga, e il latte di papiro.