Home Sportivo & Divertimento Personalità mediche Burgerstein: una vera e propria storia di successo

Burgerstein: una vera e propria storia di successo

Esistono molti preparati multivitaminici con oligoelementi e sostanze minerali, ma che cosa si può dire della loro qualità e composizione?
 

Il marchio Burgerstein

Tutto ebbe inizio negli anni Settanta quando il dottor Lothar Burgerstein, dopo un grave incidente in auto, cominciò a occuparsi intensamente del mantenimento della salute ponendo così le basi per lo sviluppo dei prodotti Burgerstein. Il suo lavoro si basava su quello del premio Nobel Linus Pauling che negli anni Sessanta aveva sviluppato il concetto di medicina ortomolecolare. Ortomolecolare significa “le molecole giuste”, perché vitamine, sostanze minerali e oligoelementi possono fornire un importante contributo alla tutela della salute se assunti in quantità e combinazione corrette, nonché in forma endogena. Un team esperto, composto da medici, farmacisti e nutrizionisti, sviluppa prodotti sulla base delle conoscenze più moderne e perfeziona costantemente l’assortimento già esistente di oltre 70 articoli. In questo senso la stretta collaborazione con università e cliniche rappresenta un importante presupposto. I prodotti vengono concepiti secondo principi ortomolecolari senza conservanti, aromi e coloranti estranei all'organismo.

 

Burgerstein Vitamine – l’azienda familiare svizzera

Fondata 45 anni fa, l’azienda svizzera è oggi gestita dalla terza generazione. La nipote del fondatore, la signora Tanja Zimmermann- Burgerstein, è direttrice da gennaio 2016. Attiva nell’azienda dal 1996, finora è stata responsabile principalmente del settore marketing e dal 2011 è membro del Consiglio d’amministrazione. La signora Zimmermann-Burgerstein ha influenzato in larga misura la strategia e l’immagine del marchio mantello Burgerstein, non da ultimo con uno sponsoring intenso e di successo nello sport. Burgerstein sostiene da molti anni sportivi e associazioni di spicco svizzeri (ad es. Swiss Ski e Swiss Tennis), nonché manifestazioni sportive (ad es. Swiss Indoors, Ironman). Importanti dal punto di vista strategico sono anche i nuovi settori come Microcare (l’integrazione individuale di vitamine e minerali), nonché l’introduzione molto riuscita della linea probiotica BIOTICS con scelta scientificamente provata degli specifici ceppi batterici.
Burgerstein è sinonimo di affidabilità, costanza e qualità: è questa la chiave del successo dell’azienda. Burgerstein Vitamine è l’azienda con il più rapido tasso di crescita nel settore dei preparati senza ricetta e occupa la quinta posizione sul mercato, dopo gruppi multinazionali come Bayer, GSK, Galenica e L’Oréal (IMS, YTD/3/17).

 

Maggiori informazioni: www.burgerstein.ch

Da leggere anche

Flector EP Tissugel® riduce il dolore e inibisce l”infiammazione!

Flector EP Tissugel® riduce il dolore e inibisce l’infiammazione in caso di slogature, strappi muscolari, contusioni e artrosi sintomatica del ginocchio. Il Tissugel, fresco...

Calcio e magnesio nelle giuste proporzioni

Il nostro organismo necessita della presenza del magnesio per oltre 300 funzioni metaboliche!

Il sole non mi farà la pelle?

Novità... o mezza novità, i farmacisti e droghisti ci esortano a preparare la pelle dall’interno all’esposizione solare. Perfettamente giusto. Si ottiene un leggero colorito,...

Lesioni sportive e contusioni accidentali

Uno dei gesti di automedicazione più frequenti consiste nell’applicazione di una crema o di un gel sulle lesioni muscolari o articolari, oppure in caso di reumatismo infiammatorio.

Promozione Salute Svizzera pubblica il rapporto di attività del 2011

Berna, 17 aprile 2012. Da oggi è disponibile on-line il rapporto annuale 2011 di Promozione Salute Svizzera. Il rapporto fornisce una panoramica dei progetti realizzati nel 2011 e mette in evidenza l’impatto ottenuto dalle misure attuate. I programmi realizzati da Promozione Salute Svizzera in collaborazione con diversi partner nei settori Peso corporeo sano e Salute psichica / stress hanno permesso di raggiungere complessivamente oltre 100'000 lavoratori, approssimativamente 120'000 bambini e giovani e più di 400'000 partecipanti agli slow Up.