Home Vita Bebe e Bambini Bimbi piccoli, piccoli infortuni

Bimbi piccoli, piccoli infortuni

La vita quotidiana è costellata di incidenti domestici e altri infortuni più o meno gravi, sbucciature, tagli e bruciature. I primi ad esserne vittima sono naturalmente i più piccini, non appena imparano a camminare. Prevenzione, cura… Come reagire?
 

Le situazioni a rischio

Le cadute rappresentano la prima causa di infortuni per i bambini nella fascia di età 0-14 anni. Nella prima infanzia, è opportuno vietare l'accesso agli spazi a rischio (finestre, scale, balconi) e non lasciare a portata di bambino i mezzi per raggiungerli (sedie, sgabelli). Il ricorso alle barriere resta un'ottima protezione. Meglio evitare i pantaloni troppo lunghi, le corse con le sole calze e i lacci delle scarpe non annodati.
Le ferite sono spesso dovute a negligenza (oggetti taglienti quali forbici, aghi, strumenti dimenticati per inavvertenza), oppure a disattenzione (per esempio il bambino che corre con il ciuccio in bocca o una matita in mano).

 

All'azione corrisponde una reazione

Se nonostante queste cautele, si verifica un infortunio, è opportuno valutarne rapidamente la gravità. Le intossicazioni, le ferite al volto (agli occhi) o le ustioni devono essere gestite da un professionista della salute.
Le piccole lesioni superficiali, invece, possono essere curate a casa, rispettando queste fasi: bisogna innanzi tutto arrestare l'emorragia comprimendo la ferita per 5 minuti con l'ausilio di un panno pulito o di una compressa di garza. Si procede quindi alla disinfezione con un antisettico senza alcol, per evitare di aggravare il dolore. Infine, si applica una crema vulneraria ed eventualmente un cerotto. Alcune di queste creme cicatrizzanti contengono attivi antinfettivi e caolino che assorbe l'essudato della ferita. Inoltre la loro consistenza pastosa limita l'adesione della medicazione alla ferita, facilitandone la rimozione. In alcuni casi la crema può anche sostituire il cerotto.
C'è infine un aspetto da non trascurare: tranquillizzare i genitori. Secondo il Dott. Giorgio La Scala dell'Ospedale Pediatrico di Ginevra, bisogna spiegare loro che «la cicatrice assumerà il suo aspetto definitivo solo 18 mesi circa dopo l'incidente, e che per 12-18 mesi andrà protetta dal sole con indumenti o una crema solare».*
Ad ogni modo, se persistono i segni di infiammazione, è necessario consultare il medico.

* www.swiss-paediatrics.org

Da leggere anche

L’estratto di cozze, un trattamento naturale per le articolazioni

In Occidente c'è un nuovo trattamento per i reumatismi articolari, un rimedio utilizzato da sempre dai Maori, le popolazioni indigene della Nuova Zelanda.

Nouvelle fiche d’information sur les boissons énergisantes

Les boissons énergisantes constituent un marché florissant: à lui seul, le leader de la branche a écoulé 120 millions de canettes en Suisse en...

Régulation marché du cannabis: du Rio de la Plata au lac Léman

La politique vis-à-vis du cannabis est en rapide évolution. Ainsi, les citoyens de l'Alaska et de l'Oregon, comme ceux de Washington DC, la capitale...

Un personale contributo al controllo della spesa sanitaria

Man mano che passano gli anni e che si succedono le discussioni sulla spesa sanitaria, risulta sempre più evidente che i progressi della medicina e l'aumento della speranza di vita rendono illusoria una diminuzione complessiva degli esborsi.

Mestruazioni dolorose: non permettete più a quei giorni di rovinarvi la vita!

Molte donne soffrono di crampi al basso ventre durante le mestruazioni (= dismenorrea). Questi fastidi non sono però ineluttabili: il problema è risolvibile!