Home Aterotrombosi: il pericolo nelle arterie!
Array

Aterotrombosi: il pericolo nelle arterie!

 «Perché ho ignorato quei dolori alle gambe?» si chiede oggi Rosemarie M., 62 anni; «Forse avrei potuto evitare questo attacco di apoplessia!». Un giorno, Rosemarie ha avvertito un violento mal di testa: «Ho avuto subito il presentimento che fosse qualcosa di grave». Il marito ha immediatamente chiamato l’ambulanza, consentendo a Rosemarie di sopravvivere all’attacco.

Il segno precursore sono i dolori alle gambe!

L’ictus cerebrale o l’infarto hanno sempre la medesima causa: in corrispondenza della rottura di una placca si forma un grumo di sangue che interrompe il flusso ematico, ostruendo l’arteria (v. le illustrazioni). Questo meccanismo, l’aterotrombosi, è spesso preceduto da dolori alle gambe: «I dolori si manifestavano quando camminavo per circa 500 m, ma sparivano non appena mi fermavo; per quale motivo avrei dovuto preoccuparmi?» asserisce Rosemarie. Oggi sa che questi dolori possono segnalare un grave pericolo: i crampi al polpaccio possono essere una conseguenza di un’irrigazione sanguigna inadeguata, dovuta al restringimento dell’arteria.  

Aterotrombosi: come ci si può convivere?

Rosemarie non può certo eliminare i depositi che si sono già formati nelle sue arterie, ma può interrompere l’evoluzione del processo, assumendo farmaci che impediscono la coagulazione piastrinica, in combinazione con molta attività fisica: «Mi è stata donata una seconda vita!»  

Da leggere anche

Attenzione ai cambiamenti di stagione!

A partire dall'inizio di marzo, le giornate che si allungano sempre di più e le temperature miti ci offrono un assaggio di primavera, ma...

Allarme virus!

Con i primi freddi dell'anno tornano a fare la loro comparsa quei virus fastidiosi che presto o tardi si impadroniscono delle nostre vie respiratorie. Lo stato influenzale che ne deriva provoca spesso rinite, dolori articolari e febbre. Non esiste infatti un solo virus dell'influenza, ma numerosi agenti patogeni che procurano sintomi simili.

Alla salute delle nostre gengive!

Qual’è la differenza fra parodontosi e parodontite?

Omeopa… tosse!

Se la tosse obbedisce tradizionalmente ad un ritmo stagionale, può comunque manifestarsi tutto l'anno, poiché è provocata da varie cause: infettive, allergiche, tossicologiche (fumo) o organiche.

Un salasso contro gli «umori cattivi»

Un tempo si riteneva che il salasso potesse curare quasi tutte le malattie. Questa pratica è praticamente scomparsa nel corso del XVIII secolo. Oggigiorno...