Articolo N.ro 1332 | Edizione n.ro 6 | 1996


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Stanchezza, non prendetela alla leggera!

    Dall'uomo di affari che deve smaltire varie pile di pratiche alla madre di famiglia che non sa più dove sbattere la testa, passando dallo studente che crolla sotto il peso dei compiti, la stanchezza non risparmia nessuno. Quand'è occasionale e di breve durata, non deve destare preoccupazione. Ma se invece è persistente, che cosa si può fare? Viene ritenuta normale la stanchezza che si manifesta dopo un periodo di lavoro intenso, di stress o di sonno insufficiente. Per porvi fine, bastano il riposo e alcune notti ristoratrici. Una stanchezza persistente, invece, è un segnale d'allarme del corpo, come la febbre e il dolore, e pertanto non va trascurata. La stanchezza persistente può essere: • sintomo di una malattia (anemia, ipotensione, insufficienza tiroidea, diabete, focolaio di infezione, depressione, ecc.), • effetto collaterale di un farmaco (psicofarmaci, antistaminici, betabloccanti, ecc.) • conseguenza di una cattiva igiene alimentare e di vita. Le cause collegate all'igiene alimentare e di vita • La disidratazione se non si beve a sufficienza • Il consumo insufficiente di glucidi complessi (pane, pasta, cereali, ecc.), la principalefonte di energia psicofisica • L'apporto inadeguato di aminoacidi, necessari per la costruzione del corpo (processo che richiede un'energia notevole) • L'abuso di alimenti o bevande privi di valore nutritivo (dolci, fast food, alcol, bibite) • Lo stress cronico e il fumo, che depauperano l'organismo delle sue sostanze nutritive • Un sonno insufficiente • La sedentarietà o all'opposto un allenamento fisico intenso senza un adeguato recupero Le soluzioni sono una logica conseguenza delle cause: bere molta acqua, adottare un'alimentazione equilibrata, gestire lo stress, rinunciare al fumo, concedersi un numero sufficiente di ore di sonno e di riposo, praticare un'attività fisica regolare. In alcuni casi però risulta impossibile fare tabula rasa delle cattive abitudini, oppure le misure di igiene alimentare e di vita non danno i risultati attesi. Stando così le cose, è vivamente consigliato ricorrere a un preparato ricco di vitamine e minerali. Un vantaggio tutt'altro che trascurabile viene dall'aggiunta di preziosi aminoacidi e di ginseng, per una sferzata di energia.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    La tosse, che seccatura!

    La tosse è spesso una delle manifestazioni associate a un raffreddamento delle alte vie respiratorie. Può durare due o tre settimane, risultando molto fastidiosa, sia di giorno che di notte. Poiché ci vuole un po' di tempo per sbarazzarsene, l'aiuto di un farmaco è spesso bene accetto.   Il tipico raffreddamento può esordire con un raffreddore o una sensazione di fastidio alla gola. I virus responsabili colonizzano le mucose di naso, gola e bronchi, con più o meno forza e successo. Quand'è "in forma", il nostro sistema immunitario è perfettamente in grado di contrastare questi agenti patogeni. È quindi importanteaverne cura! Dormite a sufficienza, assicuratevi un apporto adeguato di vitamine, minerali e oligoelementi, praticate regolarmente una qualche attività sportiva, anche all'aria aperta. Bronchite acuta Secondo il Dott. Eric Breitenstein, pneumologo, «a livello bronchiale, il raffreddamento è il fattore scatenante della cosiddetta bronchite acuta. Per lo più, la causa è di natura virale. In genere, i pazienti accusano prima un'infezione virale delle vie aeree superiori, come la faringite (infiammazione della gola) o il raffreddore, seguita dalla comparsa di una tosse secca irritativa. Se l'infiammazione si propaga ai bronchi, la tosse diventa umida e produttiva, con produzione di espettorato più o meno colorato. Dopo la fase espettorativa, la tosse torna ad essere secca, per poi sparire. Di solito, la guarigione si produce spontaneamente. Come trattamento sintomatico, consiglio un mucolitico (espettorante), che può aiutare a fluidificare le secrezioni. Se necessario, un antitussivo seda il riflesso della tosse, in particolare durante la notte.» È inoltre importante bere a sufficienza, per esempio una tisana pettorale o a base di timo, tiglio o malva. In genere, i sintomi dei raffreddamenti possono essere alleviati da inalazioni, frizioni o bagni caldi.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Quando la quantità non è affatto legata alla qualità

    In nutriterapia, si definiscono "nutrienti" le sostanze presenti negli alimenti, necessarie al corretto funzionamento dell'organismo. Si distinguono macronutrienti e micronutrienti.   I macronutrienti, che forniscono energia, comprendono le proteine, i glucidi e i lipidi. Insieme all'acqua, rappresentano il 98% degli alimenti. I micronutrienti invece non forniscono energia. Il fabbisogno dell'organismo si limita a quantità modeste o piccolissime; ciò nondimeno, lungi dall'essere meno importanti, hanno un ruolo fondamentale in tutti i processi biochimici che si svolgono nel corpo: la sintesi di nuove cellule, la regolazione del sistema immunitario, la trasmissione neuromuscolare, la contrazione dei muscoli… e molti altri ancora. I micronutrienti comprendono le vitamine, i minerali, gli oligoelementi, gli aminoacidi e gli acidi grassi. Il nostro corpo è incapace di sintetizzare la maggior parte dei micronutrienti (con alcune rare eccezioni, tra cui la vitamina D, gli aminoacidi e gli acidi grassi non essenziali). È pertanto vitale assicurare all'organismo un apporto costante ed equilibrato di micronutrienti attraverso l’alimentazione. Ingerire non significa assimilare Esistono numerosi fattori che limitano l'assimilazione dei micronutrienti che ingeriamo: i disturbi digestivi che ne riducono l'assorbimento gastrointestinale, i metalli tossici di origine ambientale che inattivano gli enzimi e bloccano alcuni processi metabolici, carenze che inducono altre carenze, ecc. Bisogna inoltre tenere conto dei fattori "sottrattori" di micronutrienti, quali lo stress, il fumo, la malattia o l'invecchiamento, che contribuiscono a esaurire le nostre riserve. Tanto basta per ammalarsi. Carenze nutrizionali e malattie Molte carenze nutrizionali sfociano in fenomeni di natura patologica. Per esempio, la carenza di calcio e vitamina D può essere causa di osteoporosi, quella di magnesio di malattie cardiache. I micronutrienti ci riserveranno ancora sicuramente delle belle sorprese…

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept