Articolo N.ro 4506 | Edizione n.ro 93 | 2016

Stanchezza, non prendetela alla leggera!

La stanchezza è una delle cause più frequenti per cui si chiede consiglio al farmacista o al droghista.

Dall'uomo di affari che deve smaltire varie pile di pratiche alla madre di famiglia che non sa più dove sbattere la testa, passando dallo studente che crolla sotto il peso dei compiti, la stanchezza non risparmia nessuno. Quand'è occasionale e di breve durata, non deve destare preoccupazione. Ma se invece è persistente, che cosa si può fare?

Viene ritenuta normale la stanchezza che si manifesta dopo un periodo di lavoro intenso, di stress o di sonno insufficiente. Per porvi fine, bastano il riposo e alcune notti ristoratrici. Una stanchezza persistente, invece, è un segnale d'allarme del corpo, come la febbre e il dolore, e pertanto non va trascurata.

La stanchezza persistente può essere:
• sintomo di una malattia (anemia, ipotensione, insufficienza tiroidea, diabete, focolaio di infezione, depressione, ecc.),
• effetto collaterale di un farmaco (psicofarmaci, antistaminici, betabloccanti, ecc.)
• conseguenza di una cattiva igiene alimentare e di vita.

Le cause collegate all'igiene alimentare e di vita

• La disidratazione se non si beve a sufficienza
• Il consumo insufficiente di glucidi complessi (pane, pasta, cereali, ecc.), la principalefonte di energia psicofisica
• L'apporto inadeguato di aminoacidi, necessari per la costruzione del corpo (processo che richiede un'energia notevole)
• L'abuso di alimenti o bevande privi di valore nutritivo (dolci, fast food, alcol, bibite)
• Lo stress cronico e il fumo, che depauperano l'organismo delle sue sostanze nutritive
• Un sonno insufficiente
• La sedentarietà o all'opposto un allenamento fisico intenso senza un adeguato recupero

Le soluzioni sono una logica conseguenza delle cause: bere molta acqua, adottare un'alimentazione equilibrata, gestire lo stress, rinunciare al fumo, concedersi un numero sufficiente di ore di sonno e di riposo, praticare un'attività fisica regolare. In alcuni casi però risulta impossibile fare tabula rasa delle cattive abitudini, oppure le misure di igiene alimentare e di vita non danno i risultati attesi.

Stando così le cose, è vivamente consigliato ricorrere a un preparato ricco di vitamine e minerali. Un vantaggio tutt'altro che trascurabile viene dall'aggiunta di preziosi aminoacidi e di ginseng, per una sferzata di energia.


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 95 2017
    La vitamina C, così indispensabile e fragile

    Contrariamente alla maggior parte degli animali, l’essere umano non è in grado di sintetizzare la propria vitamina C. Noi esseri umani dipendiamo quindi da un apporto quotidiano se vogliamo evitare le carenze. Purtroppo, questa vitamina è molto fragile e talvolta risulta molto difficile assumerne a sufficienza.   La carenza grave di vitamina C provoca il cosiddetto “scorbuto“, che fortunatamente da noi è molto raro. Sono invece frequenti le ipovitaminosi leggere, che possono manifestarsi con stanchezza, maggior vulnerabilità alle infezioni, disturbi della cicatrizzazione o gengive che sanguinano. Certo, questa vitamina è presente nella frutta e verdura. Purtroppo però si degrada molto rapidamente a contatto con l’aria o quando la si espone al calore (cottura). Essendo idrosolubile, viene inoltre in buona parte diluita nell’acqua di cottura (con perdite fino al 75%). Senza contare che quando a mezzogiorno si consuma un pasto veloce, risulta spesso difficile assumere le 5 porzioni di frutta e verdura al giorno!     Attenzione alle carenze per i gruppi a rischio Non bisogna inoltre dimenticare che ci sono categorie di persone che hanno un fabbisogno maggiore di vitamina C. Devono per esempio sorvegliare il loro apporto i fumatori, i grandi sportivi, gli anziani, le donne durante la gravidanza e l'allattamento. Anche chi assume determinati farmaci come i contraccettivi orali, i corticosteroidi, l’acido salicilico e alcuni antibiotici deve prestare particolare attenzione. L’assunzione di integratori di vitamina C è consigliata quando l’apporto alimentare è insufficiente o si fa parte di un gruppo a rischio. In farmacia e in drogheria, troverete sia la vitamina naturale che quella di sintesi. Viene preferita la forma naturale, che però è spesso a basso dosaggio e relativamente costosa. Una buona alternativa consiste nell’optare per un prodotto misto, che associ vitamina naturale e di sintesi.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Ci si può proteggere dall'esaurimento professionale?

    Improvvisamente vi sentite pervasi da stanchezza emotiva, mentale e fisica, accompagnata da assenza di motivazione e da un calo della performance. Forse siete stati colpiti da burnout, detto anche sindrome da esaurimento professionale. Si tratta di un vero e proprio circolo vizioso. Avete la netta sensazione che la corda si sia spezzata! Sempre più persone sperimentano questo fenomeno. Quando investite e spendete la vostra energia senza poter veramente recuperare, vi mettete in un circolo vizioso. A partire da un certo stadio, la situazione diventa sempre più insostenibile e si trasforma in esaurimento. Ed ecco che improvvisamente vi trovate nell'impossibilità di svolgere le vostre normali attività. Constatate allora la differenza tra stanchezza ed esaurimento. Quest'ultimo è molto più grave della stanchezza e la sofferenza che ne deriva è nettamente più profonda. D'altra parte, guarire da un esaurimento professionale richiede molto più tempo. Imparare a fermarsi al momento giusto Una buona strategia consiste nel riconoscere i segnali d'allarme provenienti non soltanto dal proprio corpo ma anche dalla propria vita interiore. Sappiate prendere la decisione giusta al momento giusto. Dite «STOP»… e imboccate rapidamente il cammino della ricostruzione! Potete vivere situazioni stressanti al lavoro senza arrivare al burnout, ma non potete arrivare al burnout senza essere stressati. Imparate ad autocontrollarvi, riposate a sufficienza e non dimenticate di rigenerarvi. Un altro importante fattore è la capacità di scegliere. Non dimenticate che ci sono più persone sotto pressione che situazioni veramente importanti o urgenti!

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    La vitamina delle quattro stagioni

    A ragione, si è soliti ricorrere alla vitamina C durante la brutta stagione, per la sua azione immunostimolante. Sarebbe tuttavia sbagliato identificarla con l'inverno, poiché possiede molte altre indicazioni… indipendenti dalla stagionalità!   Protezione dai radicali liberi (azione antiossidante) Queste perniciose molecole ossidanti prodotte dal nostro organismo o di origine ambientale accelerano i processi degenerativi, tra cui l'invecchiamento precoce, la cataratta, l'artrosi, l'arteriosclerosi, alcune cardiopatie, malattie neurologiche e altre… amenità. Stanchezza La vitamina C contrasta la stanchezza poiché è coinvolta nella sintesi della carnitina, una sostanza imparentata con gli aminoacidi, che trasforma i grassi in energia. Produzione di collagene Il collagene è il principale costituente del tessuto connettivo. È presente nella pelle, nei vasi sanguigni, nei muscoli, nei legamenti, nelle ossa, ecc., a cui la vitamina C conferisce elasticità, forza e/o solidità. La sua carenza si manifesta con sanguinamento gengivale, cattiva cicatrizzazione delle ferite, fragilità capillare, debolezza di muscoli e legamenti, ecc. Allergie La vitamina C controlla il tasso di istamina (mediatore dell'allergia) nel sangue e nei tessuti. Anemia sideropenica (da carenza di ferro) La vitamina C favorisce l'assimilazione del ferro. Stress, depressione Intervenendo nella sintesi degli ormoni dello stress (l’adrenalina e la noradrenalina), la vitamina C migliora la resistenza al sovraccarico psicofisico. Ma non è tutto: è anche coinvolta nella produzione di due neuromediatori cerebrali, i cosiddetti "ormoni del buonumore": la serotonina e la noradrenalina. Volete saperne di più su questa preziosa vitamina? Consultate il nostro sito vitamag.ch inserendo le parole chiave "vitamine" nel nostro motore di ricerca.

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept