Articolo N.ro 4835 | Edizione n.ro 96 | 2018

Reumatismi e attività fisica

Praticando con fervore il potenziamento muscolare in un ottimo centro di fitness, una volta ho sentito un'altra cliente dire che, soffrendo di artrosi al ginocchio, doveva evitare la pressa (una macchina che, facendo lavorare i quadricipiti e i glutei, sollecita le ginocchia). Avrei avuto voglia di esclamare «Sbagliato, sbagliatissimo».

Nella sola Svizzera, ci sono 2 milioni di persone che soffrono di reumatismi, nelle più di 200 forme esistenti, a carico delle articolazioni, dei tessuti molli che le circondano (muscoli, tendini, legamenti, ecc.) o delle ossa.

La sedentarietà è il peggior nemico di tutte queste strutture, è un dato di fatto. Certo, nella fase acuta, quando il dolore è intenso, per esempio dopo un infortunio, bisogna osservare il riposo. Tuttavia, nei casi cronici, allo stadio iniziale o avanzato, non c'è niente di meglio di un'attività dolce e regolare. Non è controindicato neanche il potenziamento muscolare con un peso o una macchina, sempre che il carico sia adeguato e che il movimento non provochi dolore. Se del caso, non esitate a rivolgervi a un osteopata o a un fisioterapista. Naturalmente, sia il farmacista che il droghista sono a vostra disposizione per consigliarvi le migliori terapie orali e locali.

 

Rita Costa Ducret, supervisione editoriale

 


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

Editoriale
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept