Articolo N.ro 4978 | Edizione n.ro 98 | 2019

Prima e dopo la stagione dei pollini, pensate ai probiotici!

La famiglia dei probiotici è in costante crescita, o più propriamente, sono le nostre conoscenze in merito che continuano ad aumentare. Dopo i ceppi benefici per la flora intestinale, per quella orale o vaginale, ecco il Lactobacillus paracasei LP-33, che limita la produzione di istamina, il mediatore dell’allergia.

Naso che cola, occhi rossi e lacrimanti, attacchi di starnuti, spossatezza: questi sintomi ben noti si presentano in caso di rinite allergica (raffreddore da fieno).
In caso di rinite allergica l’organismo rilascia quantità eccessive di istamina. Tramite i recettori H1 nei piccoli vasi sanguigni, questa provoca una vasodilatazione e una maggiore permeabilità dei vasi. Ciò causa a sua volta un rigonfiamento della pelle e delle mucose. Nei bronchi l’istamina provoca un restringimento, che può svilupparsi in un’asma allergica.
L’intestino ospita numerose cellule immunitarie, tra cui i linfociti T helper del tipo 1 e 2. Il loro comportamento determina se un allergene viene attaccato dalle cellule immunitarie (ad es. i macrofagi o i linfociti T citotossici) (= risposta TH1) o se deve essere eliminato dagli anticorpi (risposta TH2: attivazione dei linfociti B affinché producano immunoglobuline (anticorpi). In caso di allergie la quota di risposte TH2 è maggiore.

Una formula interessante

Ceppi speciali di Lactobacillus paracasei che producono acido lattico, come ad es. l’LP-33, e la vitamina D3, dall’azione immunomodulante, riportano in equilibrio la risposta immunitaria con le cellule TH1 e TH2, limitando così indirettamente la secrezione dell’istamina.
I preparati con questi componenti sono adatti per tutta la famiglia (bambini a partire da un anno) e sono i compagni ideali durante la stagione dei pollini. Sono ben tollerati e non provocano stanchezza.
Vanno assunti una volta al giorno, una settimana prima e durante la stagione dei pollini.

Consigli utili

• Nella stagione dei pollini arieggiare brevemente.
• Non appendere in camera da letto vestiti indossati durante la giornata.
• Non stendere all’aperto la biancheria ad asciugare.
• Lavare o risciacquare ogni sera i capelli.
• Per eliminare i pollini, risciacquare regolarmente il naso con una soluzione fisiologica.
• Utilizzare fazzoletti di carta e gettarli dopo l’uso.
• Preferire il mattino presto per praticare sport.

Ulteriori informazioni sulla stagione dei pollini:
www.pollenundallergie.ch


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Miliardi di batteri per un organo versatile

    Grazie alla sua flora, il nostro intestino assicura la digestione degli alimenti, l'assorbimento dei nutrienti, la sintesi delle vitamine, la disintossicazione. Da solo, l'intestino concentra il 70% delle cellule responsabili dell'immunità. Last but not least, produce una ventina di neuromediatori che regolano il nostro umore! Come ormai avete capito, questo grande organo digerente è anche la nostra miglior difesa dai patogeni e può addirittura essere considerato il nostro "secondo cervello". Sempre che la flora sia in buone condizioni. Il punto nodale è proprio questo. La flora intestinale, che ospita 100.000 miliardi di batteri di 400 specie diverse, rappresenta un ecosistema fragile che risente di molti fattori: un'alimentazione troppo ricca di grassi e di zuccheri, l'abuso di bevande alcoliche, il fumo, lo stress, l'assunzione di antibiotici, i patogeni alimentari (per es. le salmonelle), l'invecchiamento… Un'alterazione della flora intestinale comporta sintomi fastidiosi quali problemi digestivi (gonfiore addominale, stipsi, diarrea, ecc.), maggior predisposizione alle infezioni, stanchezza e malessere. Altrettanti motivi per prendersi cura di questo prezioso ecosistema! Per mantenere o rigenerare la flora, l'ideale è un'alimentazione di tipo mediterraneo, ricca di fibre, yogurt, formaggio fresco cremoso e olio d'oliva. Fanno bene anche il lievito di birra, il kefir e i crauti. Se però la flora è gravemente alterata, in modo acuto (microrganismo patogeno, antibiotico, ecc.) o cronico (alimentazione squilibrata, stress, ecc.), l'alimentazione non basta. In tal caso si consiglia l'assunzione di un preparato a base di probiotici. Che cosa sono i probiotici? Questa parola di origine greca, il cui significato è "per la vita", fa riferimento ai batteri vivi presenti allo stato naturale nell'intestino o forniti dall'alimentazione o dagli integratori alimentari. Se assunti in quantità adeguata, i probiotici riportano all'equilibrio la flora ed esercitano un'azione positiva sulla salute. I migliori preparati probiotici contengono un ampio spettro di ceppi batterici a dosi elevate e sono arricchiti di vitamine B (in particolare biotina, indispensabile per l'integrità della mucosa intestinale). Funzione dei probiotici • Mantenimento e rigenerazione della flora intestinale • Cura dei disturbi digestivi • Potenziamento delle difese immunitarie

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Sangue dal naso…

    La fuoriuscita di sangue dal naso, anche se solitamente non comporta alcun pericolo, non va presa alla leggera. In caso di sanguinamenti frequenti, prolungati o successivi a trauma cranico è necessario consultare il medico.   Il naso sanguina facilmente, poiché è provvisto di numerosi vasi la cui funzione è riscaldare e umidificare l'aria respirata. Questi vasi sono molto superficiali, e di conseguenza più fragili. La fuoriuscita di sangue dal naso (o "epistassi") può essere dovuta a cause locali, generali, farmacologiche o di origine traumatica. Le cause locali comprendono la disidratazione o l'infiammazione della mucosa nasale (per esempio in caso di raffreddore o allergia) e un suo danneggiamento diretto (quando ci si soffia il naso violentemente o quando ci si gratta l'interno delle fosse nasali). D'inverno, evitate di riscaldare eccessivamente gli ambienti e, se possibile, utilizzate un umidificatore. In caso di rinite, non soffiatevi il naso troppo violentemente e utilizzate un topico* nasale (gocce, spray o gel) contenente una sostanza idratante e rigenerante, come per esempio il dexpantenolo. Per quanto riguarda le cause generali, vanno ricordate le malattie sanguigne, i disturbi della coagulazione, l'ipertensione arteriosa e il diabete mellito, ma anche le carenze nutrizionali (di vitamina C o K). Antibiotici e vitamina K Ai primi posti tra le cause farmacologiche figurano gli anticoagulanti, che agiscono fluidificando il sangue. Agli anticoagulanti si aggiungono i contraccettivi orali, l'aspirina, il cortisone e i suoi derivati, che aumentano il fabbisogno di vitamina C, nonché gli antibiotici, che alterano la flora intestinale e pertanto rallentano la sintesi della vitamina K. In caso di antibioticoterapia, proteggete la flora batterica intestinale con un lievito medicinale o un probiotico. * Topico: farmaco destinato all’applicazione esterna, che agisce localmente.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Un sistema immunitario a prova di bomba

    Tra chi attraversa le epidemie di influenza senza battere ciglio e chi passa continuamente da un raffreddore all'altro, la differenza si riassume in poche parole: lo stato del sistema immunitario.   Alimentazione squilibrata, acidosi, sedentarietà, pensieri negativi, alterazione della flora  intestinale: tutti questi fattori indeboliscono il sistema immunitario. Come dare una mano al sistema immunitario • Adottare un'alimentazione equilibrata, ricca di frutta, verdura, alimenti proteici magri, cereali e derivati integrali. • Se l'acidità dei tessuti è eccessiva, vanno privilegiati gli alimenti basici: frutta, verdura, patate, latte, yogurt, soia, olio di oliva, mandorle. • Praticare regolarmente un'attività sportiva all'aria aperta. • Contrastare lo stress, adottare un atteggiamento positivo, ridere di gusto. • Eventualmente, risanare la flora intestinale, in cui ha sede l'80% delle cellule preposte all'immunità. Se ancora non basta... In caso di alimentazione squilibrata, sarà utile assumere un complesso contenente varie vitamine e minerali. In presenza di un'acidosi cronica, rilevata misurando il pH delle urine, un integratore alcalinizzante consente di ritrovare rapidamente l'equilibrio. Quando c'è un'alterazione della flora intestinale, è utile ricorrere a un preparato probiotico. Fortunatamente per il nostro sistema immunitario, esistono moltissime sostanze che aumentano le difese naturali, ovverosia: • l’echinacea (Echinacea purpurea), che esplica un’azione preventiva e curativa, soprattutto in caso di infezioni respiratorie e influenza; • il lievito vegetale plasmolizzato, che fornisce all'organismo numerose vitamine, minerali, oligoelementi e aminoacidi; • la celeberrima vitamina C; • lo zinco, un oligoelemento; • gli aminoacidi. Quest'elenco, per quanto incompleto, consente di capire la ricchezza delle misure immunostimolanti a nostra disposizione. Di conseguenza, è facile dedurre che la predisposizione ai raffreddamenti e alle malattie infettive non è mai una fatalità ineluttabile. Un sistema immunitario forte, però, bisogna meritarselo!

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept