Articolo N.ro 4979 | Edizione n.ro 98 | 2019

Piccole gocce, grande effetto: grazie a efficaci piante medicinali

Alcuni rimedi classici rimangono ineguagliabili.

Giustamente la medicina è sempre alla ricerca di nuovi medicinali.
Alcuni vecchi rimedi rimangono tuttavia ineguagliabili. Le persone utilizzano i principi attivi delle piante medicinali già da generazioni: per restare in buona salute, prevenire e guarire.

Nelle erbe e nelle piante di un bel prato estivo si nasconde una vera e propria farmacia naturale. La maggior parte delle piante possiede più (o ben più) di una proprietà. Questa versatilità si rispecchia anche nei relativi medicamenti, che da sempre si basano sull’efficacia di queste piante medicinali. Ed è proprio questo molteplice uso, insieme all’affinità per la natura, a essere molto apprezzato dagli amanti di tali preparati.

In caso di malessere e disturbi gastrici

Lo spirito di melissa, in combinazione con un mix di oli essenziali estratti da piante medicinali, dà sollievo in particolare in caso di malessere e disturbi gastrici.
L’anice stellato e il garofano alleviano i crampi nel sistema digerente. La cannella stimola la secrezione dell’acido gastrico, che nelle persone con disturbi digestivi viene prodotto a volte in quantità insufficiente. La lavanda previene il ristagno e la formazione di gas, ha un effetto calmante e scioglie le tensioni, migliorando così la sensazione di benessere.

Altri benefici

Le piante medicinali possono lenire anche gli effetti collaterali dei raffreddamenti, come mal di testa e dolori articolari, o i sintomi delle malattie delle vie respiratorie, come la tosse. Così, ad esempio gli oli essenziali estratti dalla salvia, dalla noce moscata, dal garofano e dal timo esplicano un’azione analgesica e antinfiammatoria. La versatilità di tali miscele di piante medicinali è stata ed è ancora oggi parte integrante di ogni farmacia domestica. Questi preparati con oli essenziali possono aiutare anche per il mal di viaggio, dei quali rappresentano i compagni ideali.
Naturalmente questi preparati a base di alcol non sono adatti ai bambini sotto i 12 anni e alle donne in gravidanza e in allattamento.


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    È possibile tenere sotto controllo lo stress con una pianta medicinale?

    Lo stress è ritenuto uno dei grandi mali della nostra epoca, sebbene sia provato che esiste fin dall'alba dei tempi, in ogni forma di vita. Sicuramente stressato era l'uomo preistorico che, di fronte a un pericolo imminente, doveva scegliere immediatamente se fuggire o difendersi! Di origine inglese, la parola stress significa "pressione, costrizione", in riferimento alla risposta psicofisica di un soggetto che deve adattarsi a una sollecitazione esterna ointerna. Non ci stancheremo mai di dirlo: una certa dose di stress è necessaria nella vita. Questo stress positivo ci dà lo slancio per progredire. Se però si cronicizza, diminuiscono progressivamente le nostre capacità di adattamento, che finiscono per esaurirsi facendoci ammalare, fisicamente o psichicamente. Come evitare di arrivare a tanto? Per Romain Ducret, coach e formatore professionale, il metodo più efficace in assoluto per tenere sotto controllo lo stress è il pensiero positivo. «Alleniamoci a concentrarci sugli aspetti positivi di ogni situazione e a godere dei piccoli piaceri della vita quotidiana. La gioia dà voglia di fare e contemporaneamente rilassa!» E se la soluzione venisse dalla fitoterapia? Ci sono piante medicinali che hanno attraversato i millenni senza mai accusare il passaggio del tempo. È appunto il caso della rodiola rosea (Rhodiola rosea), che attualmente sta tornando al centro dell'attenzione. Nell'Antichità, i Greci e i Vichinghi attribuivano virtù tonificanti a questa pianta, il cui nome deriva dal profumo di rosa emanato dalle sue radici. In un passato recente, i medici russi la prescrivevano ad atleti e astronauti per renderli più resistenti allo stress e alla fatica. Correttamente classificata tra le piante "adattogene", la rodiola rosea consente all'organismo di far fronte alle sollecitazioni a cui è esposto. Non si tratta assolutamente di un prodotto dopante, poiché aumenta le prestazioni senza esercitare un'azione eccitante e rilassa senza indurre spossatezza. Qualunque sia il tipo di stress, la rodiola rosea allevia i sintomi psicofisici associati a tale fenomeno (stanchezza, spossatezza, tensioni nervose, irritabilità, ecc.). Questa pianta è disponibile in compresse nelle farmacie e nelle drogherie. *Fonte: Università di Berna

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Qualunque sia la stagione, si può anche dire no alla stanchezza!

    A partire dall'inizio di marzo, le giornate che si allungano sempre di più e le temperature miti ci offrono un assaggio di primavera, ma attenzione: probabilmente l'inverno non ha ancora detto la sua ultima parola. A marzo e anche ad aprile rimane importante prendersi cura del sistema immunitario. Non si può infatti escludere un'ultima ondata di influenza e i rhinovirus attendono al varco le persone debilitate. Inoltre i cambiamenti di stagione, benché rendano così affascinante il nostro clima, ci affaticano. A fine inverno il nostro organismo è notevolmente sollecitato: ancora indebolito da un'insufficiente luce solare, dalle basse temperature e dall'umore tetro, deve già affrontare i fastidi primaverili, in particolare la stanchezza. La stanchezza può verificarsi in qualsiasi momento Un'alimentazione squilibrata, una cattiva igiene di vita (sedentarietà, mancanza di sonno, fumo, ecc.), stress: a prescindere dalla stagione, la stanchezza può indebolirci fisicamente e minare il nostro morale. Altre possibili cause di fatica, spossatezza e affaticabilità sono l'inquinamento, responsabile degli eccessi cronici di metalli tossici, nonché l'assunzione prolungata di farmaci. Che cosa si può fare per reagire? Anche se la vitamina C si è ampiamente guadagnata la reputazione di vitamina contro la stanchezza, altri nutrienti non sono da meno: in particolare le vitamine B e, in minor misura, le vitamine D ed E. Quanto al calcio e al magnesio, combattono la fatica di origine nervosa, mentre il ferro, il rame e il molibdeno riducono la debolezza, causata da un basso numero di globuli rossi e ferritina. Anche la maggior parte degli aminoacidi e il coenzima Q10 sono grandi fonti di energia. La fitoterapia offre anch'essa una serie di "armi" anti-stanchezza, tra cui in primo luogo il ginseng, conosciuto e apprezzato da millenni. Un organismo i cui fabbisogni nutrizionali sono soddisfatti è sano, forte ed efficiente. Un preparato multivitaminico e multiminerale, preferibilmente arricchito di aminoacidi e ginseng, aiuta ad evitare carenze nutrizionali, che sono fonte di stanchezza e di diversi altri problemi.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Cistite acuta: non bisogna per forza ricorrere all'antibiotico

    Sintomi come il frequente bisogno di urinare, bruciore e dolori alla minzione, nonché crampi al basso ventre si manifestano improvvisamente e indicano una cistite acuta. È possibile una cura rapida ed efficace su base naturale. Le donne sono più colpite La cistite è principalmente un problema femminile perché nelle donne l'uretra, la vagina e l'ano sono vicini e inoltre l'uretra è molto corta. Questa caratteristica facilita il passaggio dei batteri dall'intestino alla vescica. Tali microorganismi si depositano poi sulla mucosa vescicale causando un'infezione. Ci sono numerosi fattori che favoriscono la cistite: colpi di freddo alla vescica in caso di basse temperature e tempo umido, attività sessuale frequente, cambiamenti ormonali durante la menopausa e uso di contraccettivi come diaframma o spirale. A scopo preventivo si dovrebbe bere molto, vuotare spesso la vescica, in particolare entro 15 minuti dopo un rapporto sessuale, pulirsi dal davanti verso il dietro, evitare di prendere freddo alla vescica e utilizzare i preservativi quale metodo contraccettivo. Alternative naturali per la cura della cistite Visto che nella maggior parte dei casi la cistite acuta è causata da batteri, la scelta ricade sull'antibiotico. Esiste tuttavia il problema dello sviluppo della resistenza in caso di utilizzo frequente: l'efficacia dell'antibiotico tende infatti a diminuire. Oggi ci sono efficaci terapie naturali come ad es. gli estratti di foglie di uva ursina, che possiedono proprietà antibatteriche e antinfiammatorie. I principi attivi delle foglie di uva ursina combattono i batteri direttamente dove si sono insediati, cioè nella mucosa vescicale. Tali preparati alleviano in modo veloce ed efficace i fastidiosi sintomi come bruciore e dolori e accelerano la guarigione.

L'articolo
Carmol®
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept