Articolo N.ro 4286 | Edizione n.ro 92 | 2015

Neve, sci, sole... ma senza influenza!

Ci sono malattie che (ahimè per noi!) si ripresentano con la puntualità di un orologio. Una di queste è l'influenza, il cui picco è nel cuore dell'inverno.

Nel nostro paese, l'epidemia di influenza inizia già nelle ultime settimane dell'anno e può imperversare fino a primavera. D'inverno, i virus trovano le condizioni ideali per moltiplicarsi. Quando fuori fa freddo, risulta spontaneo ricercare il calore degli spazi interni. Questi luoghi confinati rappresentano un'occasione d'oro per il virus, che passa da una persona all'altra approfittando delle microgoccioline presenti negli starnuti o nei colpi di tosse.

Brividi, mal di testa, febbre, ossa rotte. . . Questi sintomi sono tipicamente le prime avvisaglie di uno stato influenzale. È ora di curarsi rimanendo al caldo e osservando un po' di riposo!

Rimedi naturali… che funzionano

L'omeopatia propone soluzioni efficaci, prive di effetti collaterali e adatte a tutta la famiglia. Spesso si utilizzano Gelsemium (febbre), Rhus toxicodendron (dolori articolari e muscolari) o Bryonia (tosse). Un medicinale a base di Anas barbariae (estratto del fegato e del cuore) consente di attenuare i sintomi e di accelerare il processo di guarigione. Può essere assunto anche a scopo preventivo, alla posologia di una dose alla settimana per tutto il periodo di maggiore esposizione all'influenza.

È particolarmente utile in caso di contatto con una persona ammalata, in famiglia oppure in ambito lavorativo.

Per i soggetti che godono di buona salute, le complicanze sono per lo più rare. Tuttavia, se i sintomi persistono per più di tre giorni, è più prudente consultare il medico.

 


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Didier Bettens

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Una risposta dolce a un attacco violento

    Quando si impadronisce dell'organismo, il Myxovirus influenzae scatena per lo più raffreddore, faringite e/o tosse, poiché presenta una forte affinità con le mucose respiratorie. Ma assimilarlo a un banale raffreddamento, provocato da un rinovirus molto meno aggressivo, è un errore da evitare. La "vera" influenza è caratterizzata dalla brusca comparsa mdi sintomi tipici, quali febbre alta, dolori muscolari, prostrazione e cefalea. Spossante per i soggetti in buone condizioni di salute, rappresenta un rischio concreto pergli anziani, le persone immunodepresse o affette da patologie cardiorespiratorie croniche. Il Myxovirus influenzae, temibile anche perché molto contagioso, si trasmette per contatto diretto (bacio, stretta di mano), indiretto (oggetti contaminati dal malato) o per via aerea a breve distanza (starnuti, tosse). Durante la brutta stagione, la permanenza prolungata in ambienti chiusi (uffici, autobus, asili nido, scuole, ecc.) favorisce la trasmissione da uomo a uomo. Prevenire e arrecare sollievo La prevenzione antinfluenzale prevede: • il rafforzamento delle difese naturali (alimentazione equilibrata, sonno a sufficienza, attività fisica regolare all'aperto, integratori di vitamine e/o oligoelementi, echinacea, ecc.); • il rispetto di alcune norme di igiene (lavarsi frequentemente le mani, disinfettare le maniglie delle porte, i telefoni, ecc.); • la vaccinazione per i soggetti a rischio; • il ricorso ad un preparato omeopatico, di cui va assunta una dose alla settimana, da ottobre ad aprile. In caso di influenza conclamata, la terapia consiste nell'alleviare i diversi sintomi con medicamenti specifici, preparazioni composte o il già citato prodotto omeopatico. Tutti i componenti della famiglia potranno trarre giovamento dalla sua efficacia e dalla sua ottima tollerabilità ormai comprovate da diversi decenni, nella prevenzione come pure nel trattamento.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Un sistema immunitario a prova di bomba

    Tra chi attraversa le epidemie di influenza senza battere ciglio e chi passa continuamente da un raffreddore all'altro, la differenza si riassume in poche parole: lo stato del sistema immunitario.   Alimentazione squilibrata, acidosi, sedentarietà, pensieri negativi, alterazione della flora  intestinale: tutti questi fattori indeboliscono il sistema immunitario. Come dare una mano al sistema immunitario • Adottare un'alimentazione equilibrata, ricca di frutta, verdura, alimenti proteici magri, cereali e derivati integrali. • Se l'acidità dei tessuti è eccessiva, vanno privilegiati gli alimenti basici: frutta, verdura, patate, latte, yogurt, soia, olio di oliva, mandorle. • Praticare regolarmente un'attività sportiva all'aria aperta. • Contrastare lo stress, adottare un atteggiamento positivo, ridere di gusto. • Eventualmente, risanare la flora intestinale, in cui ha sede l'80% delle cellule preposte all'immunità. Se ancora non basta... In caso di alimentazione squilibrata, sarà utile assumere un complesso contenente varie vitamine e minerali. In presenza di un'acidosi cronica, rilevata misurando il pH delle urine, un integratore alcalinizzante consente di ritrovare rapidamente l'equilibrio. Quando c'è un'alterazione della flora intestinale, è utile ricorrere a un preparato probiotico. Fortunatamente per il nostro sistema immunitario, esistono moltissime sostanze che aumentano le difese naturali, ovverosia: • l’echinacea (Echinacea purpurea), che esplica un’azione preventiva e curativa, soprattutto in caso di infezioni respiratorie e influenza; • il lievito vegetale plasmolizzato, che fornisce all'organismo numerose vitamine, minerali, oligoelementi e aminoacidi; • la celeberrima vitamina C; • lo zinco, un oligoelemento; • gli aminoacidi. Quest'elenco, per quanto incompleto, consente di capire la ricchezza delle misure immunostimolanti a nostra disposizione. Di conseguenza, è facile dedurre che la predisposizione ai raffreddamenti e alle malattie infettive non è mai una fatalità ineluttabile. Un sistema immunitario forte, però, bisogna meritarselo!

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Qualunque sia la stagione, si può anche dire no alla stanchezza!

    A partire dall'inizio di marzo, le giornate che si allungano sempre di più e le temperature miti ci offrono un assaggio di primavera, ma attenzione: probabilmente l'inverno non ha ancora detto la sua ultima parola. A marzo e anche ad aprile rimane importante prendersi cura del sistema immunitario. Non si può infatti escludere un'ultima ondata di influenza e i rhinovirus attendono al varco le persone debilitate. Inoltre i cambiamenti di stagione, benché rendano così affascinante il nostro clima, ci affaticano. A fine inverno il nostro organismo è notevolmente sollecitato: ancora indebolito da un'insufficiente luce solare, dalle basse temperature e dall'umore tetro, deve già affrontare i fastidi primaverili, in particolare la stanchezza. La stanchezza può verificarsi in qualsiasi momento Un'alimentazione squilibrata, una cattiva igiene di vita (sedentarietà, mancanza di sonno, fumo, ecc.), stress: a prescindere dalla stagione, la stanchezza può indebolirci fisicamente e minare il nostro morale. Altre possibili cause di fatica, spossatezza e affaticabilità sono l'inquinamento, responsabile degli eccessi cronici di metalli tossici, nonché l'assunzione prolungata di farmaci. Che cosa si può fare per reagire? Anche se la vitamina C si è ampiamente guadagnata la reputazione di vitamina contro la stanchezza, altri nutrienti non sono da meno: in particolare le vitamine B e, in minor misura, le vitamine D ed E. Quanto al calcio e al magnesio, combattono la fatica di origine nervosa, mentre il ferro, il rame e il molibdeno riducono la debolezza, causata da un basso numero di globuli rossi e ferritina. Anche la maggior parte degli aminoacidi e il coenzima Q10 sono grandi fonti di energia. La fitoterapia offre anch'essa una serie di "armi" anti-stanchezza, tra cui in primo luogo il ginseng, conosciuto e apprezzato da millenni. Un organismo i cui fabbisogni nutrizionali sono soddisfatti è sano, forte ed efficiente. Un preparato multivitaminico e multiminerale, preferibilmente arricchito di aminoacidi e ginseng, aiuta ad evitare carenze nutrizionali, che sono fonte di stanchezza e di diversi altri problemi.

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept