Articolo N.ro 4724 | Edizione n.ro 95 | 2017

La vitamina C, così indispensabile e fragile

Contrariamente alla maggior parte degli animali, l’essere umano non è in grado di sintetizzare la propria vitamina C. Noi esseri umani dipendiamo quindi da un apporto quotidiano se vogliamo evitare le carenze. Purtroppo, questa vitamina è molto fragile e talvolta risulta molto difficile assumerne a sufficienza.
 

La carenza grave di vitamina C provoca il cosiddetto “scorbuto“, che fortunatamente da noi è molto raro. Sono invece frequenti le ipovitaminosi leggere, che possono manifestarsi con stanchezza, maggior vulnerabilità alle infezioni, disturbi della cicatrizzazione o gengive che sanguinano.

Certo, questa vitamina è presente nella frutta e verdura. Purtroppo però si degrada molto rapidamente a contatto con l’aria o quando la si espone al calore (cottura). Essendo idrosolubile, viene inoltre in buona parte diluita nell’acqua di cottura (con perdite fino al 75%). Senza contare che quando a mezzogiorno si consuma un pasto veloce, risulta spesso difficile assumere le 5 porzioni di frutta e verdura al giorno!

 

 

Attenzione alle carenze per i gruppi a rischio

Non bisogna inoltre dimenticare che ci sono categorie di persone che hanno un fabbisogno maggiore di vitamina C. Devono per esempio sorvegliare il loro apporto i fumatori, i grandi sportivi, gli anziani, le donne durante la gravidanza e l'allattamento. Anche chi assume determinati farmaci come i contraccettivi orali, i corticosteroidi, l’acido salicilico e alcuni antibiotici deve prestare particolare attenzione.

L’assunzione di integratori di vitamina C è consigliata quando l’apporto alimentare è insufficiente o si fa parte di un gruppo a rischio. In farmacia e in drogheria, troverete sia la vitamina naturale che quella di sintesi. Viene preferita la forma naturale, che però è spesso a basso dosaggio e relativamente costosa. Una buona alternativa consiste nell’optare per un prodotto misto, che associ vitamina naturale e di sintesi.


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Didier Bettens

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Ogni stagione ha la sua vitamina C

    La vitamina C, ormai bicentenaria, ha attraversato gli ultimi due secoli senza neanche una ruga. Le risorse non le mancano mai e si adatta straordinariamente bene alle esigenze di ogni stagione.   Primavera - Scacco alla stanchezza e alle allergie! Indebolito dalle poche ore di sole, appesantito dalla sedentarietà e dai pasti troppo copiosi, il nostro corpo esce dall'inverno con le pile scariche. La vitamina C gli dà una sferzata d'energia, intervenendo tra l'altro nella sintesi della carnitina, molto energetica, e favorendo l'assimilazione del ferro, antianemico. Gli allergeni trasportati dall'aria (pollini), ma anche quelli alimentari o da contatto, inducono il rilascio di istamina, responsabile dei fenomeni allergici. Antistaminico naturale, la vitamina C agisce accelerando il degrado di questa sostanza. Estate - Attenzione al fotoinvecchiamento! La radiazione solare intensa produce radicali liberi che degradano il collagene e l'elastina della pelle e contemporaneamente interagiscono con i lipidi cutanei. Questo fenomeno comporta alcune conseguenze sgradevoli: disidratazione cutanea, comparsa di rughe e di lipofuscina, il pigmento delle macchie senili. Potente antiradicalico, la vitamina C cattura e distrugge i radicali liberi. Autunno - Attenzione ai rinovirus! La vitamina C è insuperabile nel sostenere l'attività dei globuli bianchi, custodi dell'immunità. Inverno - Stop alla depressione! La vitamina C è un antidepressivo naturale che interviene nella sintesi dei neuromediatori del "buonumore", la noradrenalina e laserotonina. In ogni periodo dell'anno, la vitamina più famosa: • conferisce elasticità e/o solidità a pelle, articolazioni, muscoli, ossa, ecc. (produzione di collagene, onnipresente nei tessuti corporei); • aumenta la resistenza allo stress (sintesi degli ormoni dello stress, l'adrenalina e la noradrenalina); • rallenta il decorso delle malattie degenerative, tra cui la cataratta, l'artrosi, l'arteriosclerosi e alcune malattie neurologiche (azione antiossidante); • favorisce l'escrezione delle sostanze estranee all'organismo (farmaci, additivi alimentari, pesticidi, metalli tossici). Le proprietà della vitamina C lungo le stagioni Primavera: energetica e antiallergicaEstate: antiradicalicaAutunno: immunostimolanteInverno: benefica per l'umore

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    La cellulite: una panoramica

    Antiestetica, la cellulite colpisce il 90% delle donne, comprese le più snelle, mentre ignora il "sesso forte". Facciamo una panoramica di questo problema più "sessista" che mai. La cellulite è grasso imbevuto di acqua e di tossine, catturato all'interno di un reticolo fibroso. Spesso conferisce alla pelle un aspetto a materasso (buccia d'arancia). Questo grasso particolare, per cui esiste una predisposizione ereditaria, si accumula in modo localizzato (soprattutto sui glutei e sulle cosce, ma anche sui polpacci, sull'addome e sulle braccia). Non viene debellato dalle diete e, una voltacomparso, non scompare mai spontaneamente. Causa ormonale La causa principale della cellulite è di natura ormonale, correlata all'ormone femminile, il follicolino o estrogeno, che favorisce la ritenzione idrica e l'accumulo di grassi. Per questo motivo, il corpo femminile produce cellulite nei periodi di attività ovarica intensa (pubertà, gravidanza) e in quelli caratterizzati da un eccesso di estrogeno e da una carenza di progesterone (seconda parte del ciclo mestruale, perimenopausa). In caso di cellulite di origine ormonale, possono risultare utili dei trattamenti omeopatici. In queste due ultime situazioni può risultare utile l'omeopatia. Nella prima situazione, la terapia prevede una dose di Folliculinum in diluizione frenante (15 CH) il 7o e il 14o giorno del ciclo, per poi passare a 3 granuli al giorno di Progesterone in diluizione stimolante (5 CH), dal 15° al 25° giorno del ciclo. Durante la perimenopausa, è opportuno frenare la produzione dell'ormone che stimola la secrezione estrogenica (FSH 30 CH, 3 volte alla settimana), aumentando invece quella del progesterone (Progesterone 5 CH). Causa circolatoria Anche la causa circolatoria è onnipresente. La cellulite si sviluppa nel tessuto connettivo, tra pelle e muscoli, dove passano i vasi capillari e si trovano le fibre collageniche ed elastiche. Un aumento della permeabilità della parete capillare si traduce in un'infiltrazione di acqua nel connettivo e in un'alterazione di queste fibre, che acquisiscono una struttura gelatinosa. La cellulite recente ha infatti una consistenza molle e gelatinosa, mentre quella di vecchia data, sclerotizzata, diventa dura e dolente. È possibile: • ridurre l'infiltrazione con micronutrienti che rafforzano le pareti capillari: la vitamina C e i bioflavonoidi (esperidina, rutina, citrina,ecc.); questi ultimi sono noti anche come vitamina P (dove P sta per permeabilità), • aumentare la tonicità del tessuto connettivo con sostanze che intervengono nella sintesi del collagene: vitamina C, rame, manganese, silicio, ecc. Cause alimentari La ritenzione idrica viene favorita da un apporto di liquidi insufficiente, da un eccesso di sale e di zucchero. All'opposto, un consumo elevato di frutta e verdura (ricche di potassio, l'antagonista del sodio) e di alimenti proteici magri produce l'effetto contrario.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    A proposito di bevande

    Il pompelmo, un frutto rischioso? È vero che il pompelmo può interagire con i farmaci? È assolutamente vero. Diversi studi clinici hanno accertato che il succo di pompelmo può provocare un innalzamento della concentrazione di diversi farmaci nel sangue. Tra i farmaci interessati figurano la felodipina e altri calcioantagonisti (antiipertensivi), la ciclosporina (un immunosoppressore prescritto in seguito ai trapianti d'organi, per prevenire il rigetto), la terfenadina (un antistaminico), il saquinavir (un inibitore dell'HIV, il virus dell'AIDS), il midazolam (un sonnifero), ecc. La morale della storia è questa: quando si segue una terapia a base di farmaci, bisogna consultare il medico prima di consumare questo agrume, benché sia ricco di virtù nutrizionali. La sferzata di energia di una bevanda energetica Mi concedo volentieri una bevanda energetica, soprattutto quando sento l'esigenza di una sferzata di energia. Cosa ne pensa? Che l'azione "energizzante" non va confusa con quella "stimolante"! La bevanda a cui allude deve il suo nome e la sua fama di bevanda energizzante ad uno dei suoi componenti, la taurina, un aminoacido isolato per la prima volta nel ruminante in questione. In realtà, non esiste alcuna prova, almeno che io sappia, del fatto che l'assunzione di tale sostanza aumenti le prestazioni psichiche ed intellettuali. L'innegabile effetto stimolante di questa bevanda è dovuto al fatto che è ricca di caffeina: 320 mg/l. Caffè e caffeina Quando si parla di consumo eccessivo di caffè, si intende "eccesso di caffeina"? Si deve quindi dedurne che il caffè decaffeinato è al riparo da ogni accusa? È vero che tutti gli effetti "antinutrizionali" del caffè sono dovuti alla caffeina. La caffeina in eccesso comporta infatti una maggior escrezione urinaria delle vitamina B e C, nonché di calcio, magnesio, zinco e potassio. L'assorbimento intestinale del ferro risulta inoltre più difficoltoso. Tuttavia, altre sostanze presenti nel caffè stimolano la secrezione gastrica, accelerano il transito intestinale e si trasformano in acido urico. Con o senza caffeina, il caffè a dosi elevate è controindicato per chi soffre di gastrite o di gotta, ma anche per chi è soggetto a diarrea.

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept