Articolo N.ro 4840 | Edizione n.ro 96 | 2018

Gli omega-3 sotto i riflettori

Con l'età, la sintesi di EPA e DHA diminuisce. Per questo l'importanza degli integratori aumenta con il passare del tempo.

Gli integratori a base di omega-3 sono molto popolari. Si tratta di una moda oppure corrispondono davvero a una reale esigenza?

Le proprietà degli omega-3 sono ormai chiaramente assodate. Va tuttavia precisato che solo gli acidi a catena lunga, l'EPA e il DHA, possiedono le proprietà che vengono loro attribuite. Sono disponibili nella forma di olio di pesce, la più frequente, oppure come preparati contenenti estratti di alghe.

Perché esiste questa esigenza? L’EPA e il DHA non sono forse fabbricati dall'organismo?

Sì, a partire dall'acido alfa-linolenico, ma in quantità modestissima. Questo acido è presente negli oli di lino, colza, soia, noce, oltre che nei semi di chia, arrivati più recentemente sulle nostre tavole. Questa perazione
di sintesi richiede però una lunga e complessa serie di reazioni ostacolata da diversi fattori: l'eccesso di grassi "cattivi", di zucchero e/o di alcol, la carenza di magnesio e/o di zinco, le infezioni virali, il diabete, il deficit epatico, le terapie con corticosteroidi, ecc.

Quali sono i pesci in cui si trovano l'EPA e il DHA?

Soprattutto i pesci grassi (tonno, salmone, anguilla) e semi-grassi (sardina, sgombro, pesce spada). Più il pesce è grasso, più contiene acidi grassi. I più ricchi sono i pesci che vengono dai mari profondi. Per coprire il nostro fabbisogno, dovremmo consumare due porzioni alla settimana dei pesci indicati. In caso contrario, è necessaria l'assunzione dell’integratore.

Quali sono le proprietà dell'EPA e del DHA?

Innanzi tutto, risultano positivi per la funzione cardiaca, la pressione arteriosa e la lipidemia (il tasso di grassi nel sangue). Queste proprietà sono state osservate studiando il comportamento alimentare delle  popolazioni esquimesi. Consumando pochissime verdure, avrebbero dovuto essere predisposte alle malattie cardiovascolari. Se ciò non avviene è proprio grazie all'elevato apporto di pesce.
Molto concentrato nel cervello e nella retina, il DHA contribuisce anche a mantenere una funzione cerebrale e una capacità visiva nella norma. L'assunzione di un integratore da parte delle donne durante la  gravidanza e l'allattamento favorisce lo sviluppo degli occhi del feto e del neonato.
Gli oli di pesce possono essere ingeriti come capsule o in forma liquida. Quest'ultima può risultare più pratica, poiché consente di assumere una maggior quantità di olio con un numero inferiore di assunzioni, mentre
sarebbe necessario ingerire un gran numero di capsule. Bisogna però che l'olio di pesce abbia un gusto piacevole che non ne ricordi l'origine!


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 94 2017
    Vegetarismo: perché gli omega-3 vegetali non sono sufficienti?

    Il vegetarismo e anche il veganismo, che raccomanda la soppressione totale dei prodotti di origine animale, sono molto in voga. Tuttavia, i seguaci di questi metodi devono essere in possesso di solide conoscenze nutrizionali per far fronte alle carenze.   Omega-3: troppi benefici per farne a meno È stato chiaramente stabilito che gli omega-3: • abbassano la pressione arteriosa e i grassi ematici, rendono il sangue più fluido, • esplicano un'azione antinfiammatoria sulle articolazioni e sulle vie respiratorie, • combattono le allergie, • migliorano l'umore e le facoltà cognitive, • ecc. Diciamo subito che questa lunga lista di benefici concerne soltanto gli acidi EPA e DHA, presenti in gran quantità nelle carni dei pesci grassi o semigrassi (sgombro, sardina, aringa, anguilla, tonno, salmone, ecc.).   Sintesi insufficiente Gli acidi EPA e DHA non sono essenziali* perché teoricamente il nostro corpo può sintetizzarli a partire dall'acido alfa-linolenico. Quest'ultimo è presente nell'olio di lino, di colza e di soia, nonché nei semi di chia, che hanno da poco fatto la loro apparizione sulle nostre tavole. Una tale sintesi necessita tuttavia di una lunga e complessa serie di reazioni che sono contrastate da diversi fattori: invecchiamento, eccesso di grassi cattivi, di zuccheri e/o d'alcol, carenza di magnesio e/o zinco, infezioni virali, diabete, insufficienza epatica, trattamenti a base di corticosteroidi. Conclusione: solo una quantità trascurabile di acidi EPA e DHA è prodotta dall'organismo. Inoltre, solo il consumo settimanale di 2 o 3 porzioni di pesce grasso o semigrasso permette un apporto corretto di queste preziose sostanze. L'alternativa saggia per evitare la carenza? L'assunzione di olio di pesce in capsule. *Si definisce essenziale un micro-nutriente che deve obbligatoriamente essere fornito tramite l'alimentazione visto che il corpo non è in grado di sintetizzarlo.

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Gli omega-3, per le nostre arterie, ma non solo!

    Ipolipidemizzanti, ipotensivi e anticoagulanti, gli acidi grassi omega-3 meritano ampiamente la loro reputazione di capisaldi della salute cardiovascolare. Tuttavia, svolgono anche molte altre funzioni importanti. Facciamo il punto della situazione. Artrite: gli omega-3 agiscono come antinfiammatori, alleviando i dolori articolari e migliorando la mobilità. Asma: il loro effetto antinfiammatorio si manifesta anche sulle vie respiratorie. Emicranie: questi acidi grassi polinsaturi possono ridurre l'intensità e la frequenza delle crisi di emicrania. Cura della pelle, eczema, psoriasi: gli omega-3 migliorano le condizioni della pelle secca, disidratata o prematuramente invecchiata, eczematosa o arrossata e disquamante (psoriasi). Cura dei capelli: i capelli secchi e fragili traggono giovamento da un apporto adeguato di omega-3. Depressione: gli omega-3 sostengono il morale e stabilizzano l'umore. Le carenze sono tutt'altro che rare negli stati depressivi. Difficoltà di concentrazione, calo di memoria: molto concentrati nel cervello, in forma di fosfolipidi, gli omega-3 sono coinvolti nei processi di concentrazione e memorizzazione. Alimentazione e integratori Queste proprietà le posseggono solo l'EPA e il DHA, gli omega-3 a catena lunga presenti esclusivamente nel pesce. Il nostro corpo è in grado di sintetizzarli a partire dagli omega-3 degli oli (di noci, di lino, di soia), ma in quantità insufficienti. I pesci grassi (salmone, tonno, ecc.) e semigrassi (sardina, sgombro, ecc.) sono per forza di cose i più ricchi di acidi grassi omega-3. Per soddisfare il nostro fabbisogno, bisogna prevedere 2-3 porzioni di pesce di mare a settimana. Altrimenti, è necessario ricorrere agli oli di pesce in capsule.

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Alleviare la psoriasi è possibile!

    Placche rosse, desquamazioni biancastre, prurito doloroso, piaghe che possono interessare anche più del 10% del corpo… La psoriasi mette a dura prova chi ne è colpito.   Questa dermatosi cronica, che interessa il 2% della popolazione mondiale, si manifesta con un rinnovo rapidissimo dell'epidermide (in 4-6 giorni anziché nelle normali 4 settimane), accompagnato da una marcata desquamazione. Nella forma benigna, la psoriasi si limita al cuoio capelluto, alle unghie, alle ginocchia e ai gomiti. Nei casi gravi, invece, si estende al punto da poter interessare tutto il corpo. Quasi il 30% dei soggetti colpiti presenta una predisposizione familiare. Ciò nonostante, le sue cause sono ancora sconosciute. La malattia, dall'andamento accessuale, può essere scatenata dallo stress o dalle infezioni e presentare periodi di remissione di durata molto variabile. Talvolta viene esacerbata da alcuni farmaci, come i betabloccanti. L'esposizione moderata al sole esplica invece un'azione protettiva. Attualmente, non si conosce alcun trattamento che sia in grado di guarire la psoriasi; è tuttavia possibile attenuarne i sintomi. Per via interna, la vitamina D come pure la vitamina A (ad alte dosi, dietro prescrizione medica) possono risultare utili. I trattamenti locali si avvalgono di creme a base di corticosteroidi (in situazione di crisi) o di derivati della vitamina D, associati a fototerapia. Il ruolo dei grassi Le persone affette da psoriasi presentano un'alterazione del metabolismo degli acidi grassi essenziali a livello cutaneo. Sono dunque consigliati il consumo regolare di acidi omega-6 (olio di germe di grano, di cardo o di girasole) e di omega-3 (olio di lino, noci o soja) nonché l'assunzione di integratori di olio di borragine o di enotera e di pesce o di krill in associazione con 100 mg di vitamina E. Vanno invece banditi i grassi saturi in eccesso (burro, carne e formaggi grassi), così come un consumo troppo elevato di alcolici. Infine, gli oligoelementi di selenio e di zinco, che agiscono per via orale o in applicazione locale (pomate) possono alleviare infiammazione e prurito.

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept