Articolo N.ro 4982 | Edizione n.ro 98 | 2019

Basta un attimo di disattenzione…

Esiste anche un tissugel che associa l'azione antinfiammatoria del diclofenac e l'eparina. È indicato negli ematomi e negli edemi, molto frequenti nelle lesioni accidentali.

Esistono più di 200 forme di reumatismi, tra cui i più frequenti (il 55%) sono i reumatismi ab- o periarticolari, che interessano le parti molli che circondano le articolazioni (muscoli, tendini, legamenti). Queste parti sono anche le più colpite dalle lesioni sportive o accidentali (distorsioni, contusioni, strappi muscolari, ecc.).

Puntare sulla prevenzione

Gli sportivi esperti peccano a volte di eccesso di fiducia e saltano il riscaldamento e l'allungamento muscolare. Gli sportivi della domenica, invece, in particolare gli escursionisti, si lasciano talvolta distrarre dalla bellezza del paesaggio, distogliendo lo sguardo dalle asperità del terreno… su cui finiscono per cadere!
Bere adeguatamente, seguire una buona alimentazione, dotarsi di materiale adatto e di buona qualità sono misure preventive la cui efficacia è tutt'altro che trascurabile.

E se nonostante tutto si verifica un infortunio…

Bisogna interrompere quanto prima l'attività, sollevare l'arto lesionato, applicare una fasciatura di sostegno che comprima leggermente e ghiaccio.
La fase successiva consiste nell'applicare e nell'ingerire un farmaco analgesico/antinfiammatorio.
Le stesse sostanze possono infatti essere utilizzate per via esterna (pomata, gel rinfrescante, tissugel) e interna, per un'azione sinergica e un risultato ottimale.
I tissugel o cerotti a base di diclofenac sono flessibili ed autoadesivi.
Hanno il vantaggio di rilasciare gradualmente il principio attivo, per un'azione molto più duratura. È sufficiente una sola applicazione al giorno. Inoltre, consentono di evitare i fastidi dovuti al contatto diretto del ghiaccio con la pelle (bruciore, pizzicore).
Esiste anche un tissugel che associa il diclofenac e l'eparina, indicato negli ematomi e negli edemi (molto frequenti nelle lesioni accidentali), la cui guarigione viene accelerata. Agisce rapidamente e profondamente e contemporaneamente consente di fare a meno del massaggio, controindicato in queste situazioni.
La durata del trattamento dipende dalla gravità dei sintomi; non dovrebbe comunque superare i 10 giorni.

Per maggiori informazioni
www.lesionisportive.ch


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 92 2015
    Lo sport, un'attività rischiosa?

    A prescindere dal livello di ogni praticante, lo sport comporta una sollecitazione motoria molto intensa. È quindi facile intuire che il rischio di lesioni sia inevitabile. Alla modulazione dell'attività fisica, di intensità da bassa ad elevata, corrisponde il rischio di lesioni diverse, da trattare in modo mirato.   Lesioni sì, ma quali? Le lesioni muscolari, numerose e di entità crescente, vanno dal semplice crampo allo strappo. Per quanto spiacevoli, il crampo o l'indolenzimento non devono suscitare preoccupazione, diversamente dallo stiramento, indice di un allungamento eccessivo del muscolo che può andare fino allo strappo o addirittura alla lacerazione. Questi traumi provocati da uno sforzo violento sono manifestamente di maggior gravità, tanto da richiedere spesso l'intervento del medico, come peraltro le patologie osteolegamentose (distorsioni, tendiniti, lussazioni e fratture). Esistono delle soluzioni? Crampi e indolenzimenti non richiedono alcun intervento terapeutico sostanziale; per prevenirli, sono sufficienti il riscaldamento, l'idratazione e lo stretching. Gli stiramenti implicano invece l'interruzione immediata dell'attività, l'applicazione di ghiaccio e il contenimento del muscolo con una fasciatura elastica. Le patologie con una forte componente infiammatoria, come le tendiniti o le distorsioni, possono anche richiedere l'applicazione locale di un antinfiammatorio quale l'ibuprofene o il diclofenac, in forma di cerotto o tissugel, per una diffusione continua del principio attivo sul sito dolente, senza effetti collaterali di natura gastrointestinale. Una riabilitazione con il fisioterapista o l'osteopata consentirà di ottenere una guarigione completa, per prevenire le recidive.

  • L'articolo No 2977 | Edition no 72 2010
    Muoversi in assoluta sicurezza

  • L'articolo No 3337 | Edition no 77 2011
    A qualcuno piace caldo… o freddo!

L'articolo
Flector Plus
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept