Articolo N.ro 1004 | Edizione n.ro 70 | 2010

Alla salute delle nostre gengive!

Qual’è la differenza fra parodontosi e parodontite?

Entrambe fanno parte delle parodontopatie, caratterizzate da una compromissione del parodonto, ovverosia dell’insieme delle strutture che assicurano la fissazione e il sostegno del dente nei mascellari: la gengiva, l’osso alveolare, il legamento e il cemento. Ma le similitudini si fermano qui!

La parodontosi è un lungo processo di invecchiamento del parodonto, mentre la parodontite è l’infiammazione di quest’ultimo. La causa ­principale della prima è la decalcificazione ossea, mentre la seconda è dovuta ad un’insufficiente igiene orale, con conseguente formazione di placca dentale e tartaro, ricchi di germi. Si distingue inoltre la parodontite superficiale o gengivite da quella profonda o piorrea alveolare.

La gengivite è caratterizzata da una alterazione isolata delle gengive, che diventano di colore rosso scuro e sanguinano facilmente. È reversibile attraverso un detartraggio regolare e un’accurata igiene orale.

La piorrea comporta invece l’infezione e l’infiammazione profonda del parodonto, fino alla sua distruzione. Le gengive si scollano (il che può comportare la formazione di sacche) e si ritraggono. I denti perdono progressivamente il supporto, diventano sempre più mobili e finiscono per cadere. La parodontite profonda è per lo più accompagnata da sintomi come dolore, alito cattivo e ascesso.

La prevenzione delle parodontopatie si basa soprattutto su una rigorosa igiene orale. Esistono dei dentifrici appositamente studiati per le gengive difficili, come pure gel e soluzioni che ne favoriscono la rigenerazione.

Ci sono cause nutrizionali possibili?

Dato che la parodontosi è un processo di decalcificazione ossea, un apporto corretto

di calcio e di vitamina D per tutta la vita aiuta a prevenirla. Per quanto riguarda la parodontite, le carenze di vitamine B e C possono essere in gioco. Tra i sintomi di un deficit di vitamine B va infatti annoverata l’infiammazione delle gengive, mentre la grave carenza di vitamina C è accompagnata da sanguinamento e tumefazione di queste ultime. Rileviamo inoltre che in tutte le parodontopatie un integratore a base di coenzima Q10 può risultare efficace.


La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti.
Isabelle Hulmann Rita Ducret-Costa

Articles similaires

  • L'articolo No | Edition no 93 2016
    Una buona igiene orale alla base di un corpo sano

    Denti sani e un cavo orale curato ci danno sicurezza e al tempo stesso sono importanti per la salute. Durante l'infanzia viene attribuita particolare importanza alla prevenzione della carie, mentre con l'avanzare dell'età aumenta l'infiammazione delle gengive o del parodonto (parodontite). I batteri nella placca e sul margine gengivale causano da un lato una parodontite e dall'altro possono spostarsi nel corpo provocando malattie come per esempio pericolosi problemi cardiaci o circolatori. Inoltre, degli studi hanno dimostrato che esiste una relazione tra il diabete e la parodontite: tra gli altri, la regolazione ottimale della curva glicemica risulta più difficile. Al tempo stesso, i diabetici soffrono più frequentemente di parodontite rispetto alle persone in salute. La secchezza orale con minor salivazione a causa di determinati medicinali come antidepressivi o farmaci contro il Parkinson favorisce la riproduzione di batteri in bocca e quindi la formazione della carie. Consigli per un'igiene orale moderna È facile: lavate i denti mezz'ora dopo ogni pasto, eventualmente in modo alternato, con un dentifricio al fluoruro (ad es. al mattino), antiplacca e antibatterico (ad es. alla sera), pulite gli spazi interdentali una volta al giorno, utilizzate un collutorio senza alcol adeguato alle vostre esigenze, preferite un'alimentazione povera di zuccheri e di acidi e bevete acqua a sufficienza. Nella scelta di prodotti per l'igiene orale che mirano a proteggere e rafforzare lo smalto dentale occorre tenere conto dell'aminfluoruro perché quest'ultimo ha un'azione più intensa e rapida contro la carie rispetto al classico fluoruro (minerale). In caso di determinate malattie e di assunzione di determinati medicinali, come detto in precedenza, bisognerebbe prestare attenzione a un'efficacia antibatterica comprovata e a un valore pH basico. I collutori completano l'igiene orale ottimale, in quanto arrivano nei punti inaccessibili allo spazzolino. Esistono prodotti specifici adatti alla profilassi quotidiana della carie e della placca, alla terapia o al trattamento antisettico di gengive infiammate o dopo operazioni dentali.

  • Igiene dentale No | Edition no 87 2013
    Denti sani per tutta la vita

    La cura dei denti dovrebbe iniziare non appena il bambino mette i primi dentini, poiché le carie dei denti da latte hanno ripercussioni che durano tutta la vita. Fin dallo spuntare del primo dentino sono necessarie cure attente: in caso di carie dei denti da latte, c’è il rischio che la flora batterica si insedi successivamente sui denti permanenti. I dentifrici fluorurati svolgono un ruolo importante: induriscono i denti, li rendono più resistenti e proteggono lo smalto dalla carie. Il fluoruro consente inoltre di riparare le piccole lesioni. Un’alimentazione povera di zuccheri, ma anche la pulizia accurata e regolare dei denti con un dentifricio a base di fluoruro, proteggono i denti da latte e quelli permanenti per tutta la vita. Che dentifrici utilizzare? Per i bambini, il meglio è il minimo indispensabile! Oggi esistono dentifrici accuratamente formulati, che tengono conto delle esigenze dei denti da latte, della seconda dentizione (tra i 5 e i 14 anni) e dei denti permanenti (dai 12 anni in su). Idealmente, i dentifrici per bambini contengono la quantità di fluoruro necessaria in ogni fase della dentizione, senza sostanze allergeniche, coloranti, conservanti, edulcoranti artificiali e laurilsolfato di sodio. La combinazione ideale di fluoruro stannoso e fluoruro di sodio protegge dalla carie, indurisce lo smalto e previene l’erosione dei denti.

  • Igiene dentale No | Edition no 84 2013
    Una buona igiene fin dal primo dentino

    L’igiene dentale deve iniziare già con i primi dentini da latte, che preparano lo spazio per i denti permanenti. La carie, provocandone la caduta, può sfociare anche in malposizionamenti dei denti permanenti. Per avere denti sani bisogna nutrirsi in modo sano (limitando il consumo di dolciumi e di bevande zuccherate), ma anche provvedere alla corretta igiene di denti e cavo orale con dentifrici contenenti fluoruri. È importante che i bambini vengano motivati dai genitori ad una corretta igiene dentale! Nello scegliere i prodotti per la cura dei denti si deve prestare attenzione alla loro composizione. Oggi ci sono dentifrici appositamente studiati per le diverse fasi evolutive della dentatura: il dentifricio indicato dal primo dentino ai 5 anni di età, a basso tenore di fluoruri, è l’ideale per la salute dei denti da latte. A partire dal 5° anno di età, i denti da latte vengono progressivamente sostituiti da quelli permanenti: la percentuale di fluoruri aumenta per consentire alla dentatura di svilupparsi in modo sano. Dai 12 anni in su, la protezione dei denti definitivi richiede un ulteriore incremento della percentuale di fluoruri. L’ideale è il fluoruro stannoso, che protegge da carie e irritazioni gengivali, rendendo i denti meno sensibili e contrastando l’erosione. In farmacia si trovano dentifrici specifici per bambini, senza allergizzanti, coloranti, conservanti, edulcoranti artificiali e laurilsolfato di sodio.

L'articolo
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept