Image Vedere l'edizione stampata Abbonamento
News
Meningoencefalite primaverile-estiva (FSME) / Meningoencefalite da zecche (TBE)

La FSME/TBE è una malattia virale che si trasmette con il morso di zecche infette. La vaccinazione è raccomandata ad adulti e bambini dai 6 anni in su che risiedono o si recano in zone endemiche, accanto ad altre misure protettive come coprirsi e usare repellenti. Agente patogeno e trasmissione La meningoencefalite primaverile-estiva, o meningoencefalite da zecche, è una malattia infettiva causata dal virus FSME/TBE che si trasmette con il morso di zecche infette (Ixodes ricinus, zecca dei boschi). Le zecche, il cui habitat ideale è costituito da boschi di latifoglie con un ricco sottobosco, sono diffuse in tutta la Svizzera fino a un’altitudine di circa 1500 metri. Le zecche si nutrono di sangue animale e umano e con il loro morso possono trasmettere diversi agenti patogeni: la meningoencefalite, la borreliosi (o malattia di Lyme) e infezioni più rare come l’Erlichiosi e la Rickettsiosi. La prima è causata da un virus, le altre tre da batteri. Alle famiglie delle Erlichie e Rickettsie appartengono diversi gruppi di batteri associati a vari quadri clinici. Quadro clinico Da 7 a 14 giorni dopo il morso di una zecca infetta può manifestarsi una prima fase con sintomi simil-influenzali. Tuttavia, nella maggior parte delle persone non si ha un decorso clinico. Nel 5-15 per cento dei casi, dopo un intervallo senza disturbi l’infezione può attaccare il sistema nervoso centrale, provocando sintomi come cefalee, fotofobia, vertigini e disturbi della concentrazione e della deambulazione, che possono persistere per settimane o mesi. In una percentuale di pazienti l’infezione può causare paralisi delle braccia, delle gambe o dei nervi facciali con danni permanenti. Nell’1 per cento circa dei casi con sintomi neurologici la malattia causa il decesso. La malattia non è curabile, si possono solo trattare i sintomi. Diffusione e frequenza La meningoencefalite primaverile-estiva, o meningoencefalite da zecche, è molto diffusa in Russia e in Estremo Oriente. I casi conclamati sono in aumento anche in Europa. In Svizzera si è passati da una media di 100 (nel periodo 2000-2005) a una media di 100-250 casi l’anno (dal 2005). Le zecche sono presenti in tutto il mondo, ma quelle infette dal virus della meningoencefalite vivono solo in determinate zone, i cosiddetti focolai naturali (zone endemiche). In Svizzera la loro presenza è accertata in quasi tutti i Cantoni dell’Altopiano svizzero. Nelle zone endemiche l’1 per cento circa (i dati oscillano tra lo 0,5 e il 3%) delle zecche è portatore del virus. Finora non sono state individuate zone infestate da zecche portatrici del virus FSME/TBE ad altitudini superiori a circa 1000 metri. Prevenzione L’unico modo per proteggersi dal virus FSME/TBE è vaccinarsi: oggi esistono vaccini sicuri e molto efficaci. La vaccinazione è consigliata a tutte le persone (adulti e bambini dai 6 anni in su) che risiedono o soggiornano temporaneamente in zone con focolai naturali (zone endemiche, cfr. dati al riguardo). Si raccomanda inoltre di adottare le seguenti misure protettive: indossare indumenti che coprano tutto il corpo ed evitare di sdraiarsi o sedersi direttamente per terra. Esistono inoltre efficaci prodotti protettivi per la pelle e insetticidi da spruzzare sugli indumenti. Dato che è difficile accorgersi del morso di una zecca, al rientro dal bosco è bene ispezionare accuratamente vestiti e corpo. Si consiglia di indossare indumenti chiari (è più facile individuarle) e controllare anche gli animali domestici (cani, gatti, cavalli). Se s’individua una zecca, rimuoverla immediatamente se possibile afferrandola con una pinzetta a livello cutaneo ed estraendola con un movimento lento e deciso. Dopo averla rimossa, disinfettare la parte interessata. In caso di febbre o altri sintomi, consultare un medico. Maggiori informazioni e links Fonte: Ufficio federale della sanità pubblica UFSP

Leggere di più
Maladies transmises par les tiques – Situation en Suisse

La saison, pendant laquelle les tiques sont particulièrement actives, s’étend de mars à novembre. A partir d’avril et jusqu’en octobre, l’Office fédéral de la santé publique (OFSP) publie chaque première semaine du mois un rapport de la situation indiquant le nombre de cas de méningo-en-céphalite verno-estivale (FSME) et une estimation du nombre de consultations médicales occasionnées par une piqûre de tique, respectivement une borréliose. Ce rapport permet à l’OFSP d’informer et de sensibiliser le public. Les personnes intéressées peuvent se renseigner également en consultant les cartes de la FSME produites par l’OFSP et en utilisant l’application mobile tiques qui bénéficie du soutien de l’OFSP. Nombre cas de de méningo-encéphalites verno-estivales L’OFSP surveille la FSME au moyen du système de déclaration obligatoire des maladies infectieuses. On dispose ainsi du nombre exact de cas déclarés et d’informations relatives au statut vaccinal et à l’exposition. La FSME est une maladie soumise à déclaration obligatoire depuis 1988. Le nombre de cas de FSME enregistre chaque année un pic pendant la saison chaude, reflet du caractère saisonnier de cette maladie. Il fluctue considérablement en cours de saison et d’une saison à l’autre (figure 1). Huit cas ont été enregistrés pour le mois d’avril 2017. Le nombre cumulé de cas de janvier au mois précédant le rapport fluctue aussi considérablement d’une année à l’autre (figure 2). Depuis 2000, entre 5 et 18 cas ont été déclarés pendant cette période. Jusqu’à la fin du mois d’avril de l’année en cours, neuf cas ont été enregistrés (figure 2). Cela correspond, en comparaison pluriannuelle, à une valeur moyenne. Nombre de consultations médicales à la suite d’une piqûre de tique ou pour un cas de borréliose En raison de leur fréquence élevée, l’OFSP recense les cas de piqûre de tique et de borréliose (appelée également maladie de Lyme) dans le système de déclaration Sentinella. Ce système est constitué d’un réseau de médecins de premier recours qui déclarent chaque semaine leurs observations à l’OFSP, sur une base volontaire. Le système comptabilise non pas le nombre de cas, mais le nombre de consultations médicales occasionnées par une piqûre de tique et celui par une borréliose. Les données sont extrapolées pour l’ensemble de la Suisse. Des données sont disponibles pour ces deux thématiques depuis 2008. Le nombre de consultations médicales pour des piqûres de tique ou des cas de borréliose enregistre chaque année un pic pendant la saison chaude, reflet du caractère saisonnier de ces observations. Il présente d’importantes fluctuations en cours de saison et en comparaison pluriannuelle (figure 3). Jusqu’à fin avril 2017, on estime à 2400 le nombre de consultations médicales pour une piqûre de tique. Il s’agit d’une valeur plutôt haute depuis l’introduction du système de surveillance. 350 cas de borréliose aiguë ont été déclarés jusqu’à fin avril (figure 4). Par comparaison pluriannuelle, cette valeur est relativement basse. Evaluation de la situation épidémiologique Les données publiées dans le rapport de situation pour les piqûres de tique et la borréliose amènent les remarques suivantes: • L’extrapolation des cas de borréliose ne concerne que les cas aigus (érythème migrant et lymphocytome borrélien). Les formes chroniques de borréliose sont déclarées, mais ne sont pas comprises dans les données du rapport de situation, qui vise exclusivement à mettre en évidence les nouveaux cas, qui se sont déclarés pendant la saison concernée. • Le nombre de consultations médicales en raison de piqûre de tique est généralement supérieur au nombre de consultations à la suite d’une borréliose. Il peut toutefois arriver que le nombre de cas de borréliose soit plus élevé que celui de piqûres de tique. Cela est vraisemblablement dû au fait que la moitié seulement des patients atteints d’une borréliose aiguë se souviennent avoir été piqués par une tique. La saison pendant laquelle les tiques sont particulièrement actives a démarré. En comparaison pluriannuelle, l’estimation du nombre de piqûres de tique est actuellement plutôt élevée, alors que le nombre de cas de FSME se situe dans la moyenne. Veuillez consulter nos recommandations concernant la manière de se protéger contre les piqûres de tique sur la page Internet Maladies infectieuses A–Z sous Méningo-encéphalite à tiques (FSME) ou Borréliose.   OFSP-Bulletin 19/2017 du 8 mai 2017 (PDF) Source: Office fédéral de la santé publique, Bulletin 19/2017 du 8 mai 2017

Leggere di più
Sostegno e autodeterminazione sono fondamentali per la salute psichica

L’Osservatorio svizzero della salute (Obsan) ha pubblicato per la quarta volta un rapporto sulla salute psichica della popolazione del nostro paese. Dal documento emerge che determinati fattori di protezione, come ad esempio un contesto costruttivo oppure il senso di autoderminazione, contribuiscono molto a una salute psichica buona e stabile. Il rapporto Obsan fornisce indicazioni sullo sviluppo della salute psichica della popolazione svizzera, la quale in generale è rimasta relativamente stabile tra il 2007 e il 2012. Circa il 60% degli Svizzeri a partire dai 15 anni si sentono pieni di energia e vitalità. Gli uomini, le persone in età avanzata e coloro che hanno un livello di formazione elevato menzionano più spesso questo stato positivo rispetto alle donne, ai giovani e alle persone con un livello di formazione più basso. Si riscontrano inoltre evidenti differenze regionali: nella Svizzera tedesca il numero delle persone che si sentono in forma e piene di vitalità è maggiore che nella Svizzera occidentale e in Ticino. Autodeterminazione e sostegno da parte dell’ambiente circostante Il fatto di sentirsi in forma e pieni di vitalità dipende da determinati fattori centrali, come ad esempio la convinzione di controllo, ossia la sensazione di poter determinare il corso della propria vita in modo per lo più autonomo. Circa l’80% della popolazione svizzera ne è (piuttosto) convinta. Il 20% di essa dispone di una bassa convinzione di controllo e ha l’impressione che la propria vita sia determinata in gran parte da altri o da fattori esterni. È interessante constatare come gli uomini di tutte le fasce d’età presentino una maggiore convinzione di controllo rispetto alle donne. In entrambi i sessi, la convinzione di avere il controllo sulla propria vita aumenta con l’età. Altrettanto fondamentale per una buona salute psichica nel tempo è il sostegno sociale dell’individuo da parte del suo ambiente. Quasi il 40% della popolazione svizzera ritiene di ricevere un forte sostegno sociale dall’ambiente circostante. Per oltre il 12% il sostegno percepito è tuttavia scarso. Con l’aumentare dell’età e in presenza di un livello di formazione inferiore, la percentuale delle persone che ricevono soltanto uno scarso sostegno sociale dal loro entourage è maggiore. Aumento del ricorso alle cure È stata constatata una stabilizzazione della concessione di rendite AI in seguito a malattie psichiche. Tale cifra è infatti invariata dal 2008. Fra i suicidi non assistiti si osserva una flessione seguita da una stabilizzazione. In questo ambito, la quota di uomini è tripla rispetto a quella delle donne. Parallelamente, negli ultimi dieci anni il ricorso a cure psichiatriche e psicoterapeutiche è tuttavia progredito in maniera continua e le persone che vi hanno fatto capo nel 2015 sono state 447’000. Questo dato è negativo soltanto a prima vista, poiché indica che le conoscenze sulle malattie psichiche fra la popolazione e gli specialisti sono aumentate e quindi malesseri psichici vengono individuati meglio e più rapidamente. Ciò significa anche che magari è diminuita la stigmatizzazione delle malattie psichiche e con essa anche la reticenza a sottoporsi a un trattamento psichiatrico o psicoterapeutico. Per quanto riguarda il ricorso alle terapie, continua a sussistere una notevole differenza tra i sessi: le donne si sottopongono più frequentemente a cure per problemi psichici. Allo stesso tempo lamentano anche più spesso degli uomini una salute psichica indebolita e meno fattori di protezione a fronte di più fattori di rischio. Di conseguenza si sentono più raramente «piene di energia e di vitalità». Fonte: Rapporto Obsan 2016 Evidente necessità d’intervento Pur mostrando che la salute psichica della popolazione svizzera è rimasta stabile, il rapporto Obsan mette in luce degli ambiti nei quali sussiste un’evidente necessità d’intervento: Solitudine Poco più di un terzo degli intervistati hanno affermato di sentirsi soli da talvolta a molto spesso. Tale quota è leggermente aumentata rispetto agli anni precedenti (+6%), ma è simile a quella del 1997 (36%). Va osservato che le donne si sentono sole nettamente più sovente degli uomini (42% vs. 30%). Stato di depressione Interpellata esplicitamente al riguardo, pressappoco il 30% della popolazione riferisce di sintomi depressivi. Circa il 2% delle donne e degli uomini oggetto dell’inchiesta hanno manifestato una depressione (piuttosto) grave. Si può dedurre che si tratta con ogni probabilità di depressioni clinicamente rilevanti. Una depressione lieve è più frequente nelle donne (25%) che negli uomini (20%). Con l’aumentare dell’età e una formazione superiore diminuisce lo stato di depressione percepito. Costi economici elevati I disturbi psichici generano costi economici elevati, stimati in oltre 11 miliardi di franchi all’anno per la Svizzera, in gran parte imputabili a costi indiretti (ad es. dovuti ad assenze lavorative e pensionamenti anticipati). Colpisce la forte crescita dei costi relativi alle cure psichiatriche ambulatoriali dispensate in ambito ospedaliero (+88%) e da studi psichiatrici (+64%). Nell’ambito delle attività di Promozione Salute Svizzera è attribuita grande importanza alla salute psichica lungo l’intero arco della vita. In aggiunta al proprio impegno a favore della gestione della salute in azienda, in futuro la Fondazione Promozione Salute Svizzera sosterrà programmi d’azione cantonali che si dedicano in modo mirato alla salute psichica della popolazione svizzera. In tale contesto, in avvenire l’attenzione sarà focalizzata sul gruppo target dei bambini e adolescenti e su quello delle persone in età avanzata. Promozione Salute Svizzera continuerà a porre l’accento sulla prevenzione primaria, a informare sui vari aspetti della salute psichica, a sensibilizzare il pubblico sul tema e a fornire sostegno finanziario a progetti. Definizioni Il termine salute psichica comprende aspetti quali il benessere personale, l’appagamento, l’autostima, la capacità relazionale, la capacità di far fronte ai normali impegni della vita quotidiana, di essere produttivi sul lavoro e di fornire il proprio contributo alla collettività. Non è uno stato, bensì un processo complesso e dinamico, influenzato oltre che da criteri individuali anche – e in misura sostanziale – da fattori esogeni. I disturbi psichici, per contro, pregiudicano le funzioni umane a livello esistenziale e comportamentale. Limitano la persona nella sua quotidianità e possono influenzare il suo comportamento sul piano emotivo, cognitivo, interpersonale e fisico. I disturbi psichici sono ampiamente diffusi e sono in assoluto fra le patologie più frequenti e più invalidanti. Malgrado tutto, spesso le malattie psichiche non sono riconosciute, vengono minimizzate e ne viene sottovalutato l’impatto a livello individuale, sociale ed economico.   Al rapporto Obsan 2016: www.obsan.admin.ch/fr/publications/la-sante-psychique-en-suisse-2 Fonte: Promozione Salute Svizzera, Rapporto Obsan 2016

Leggere di più
 
Editorial

La salute dei nostri dirigenti

  Numerosi presidenti sono arrivati al potere con una salute già molto compromessa: Abraham Lincoln, John F. Kennedy… Quanto a Winston Churchill, Franklin D. Roosevelt e Iosif Stalin, si presentarono alla conferenza di Yalta del 1945 con un ventaglio di patologie tale da fare la gioia di tutti i reparti di un ospedale universitario. Queste le condizioni in cui venne firmato il famoso trattato omonimo. Da parte sua, il cancelliere tedesco Helmut Schmidt ebbe a confessare di non essere mai stato in buona salute e di aver perso i sensi più di cento volte mentre esercitava le sue funzioni al vertice. Più recentemente, anche Hillary Clinton si è ritrovata nell'occhio del ciclone per la sua salute. Lo stato di salute rimane sempre una preoccupazione prioritaria e un tema che focalizza l'attenzione, tanto più che un dirigente dovrebbe incarnare un certo ideale. E voi, che cosa ne pensate? Personalmente, preferisco essere in buona salute anziché presidente... per quanto sia possibile essere presidente e godere di una buona salute!   Serge C. Ducret, editore      

Leggere di più

 
Interview
Sempre di corsa, anche nel deserto

Sempre di corsa, anche nel deserto

Eric Christen La volontà è sicuramente uno dei tratti della sua personalità. Sul piano professionale, Eric Christen ha frequentato l’università lavorando, conseguendo un MBA (Master in Business Administration) a 42 anni. Si è poi ritrovato di fronte a un dilemma. Che cosa fare adesso di tutto questo tempo libero? Amante della natura, Eric Christen sceglie la corsa podistica… per puro piacere!   Ha fatto la sua prima corsa a 45 anni. Che ricordo le ha lasciato? Un collega mi ha convinto a partecipare a una corsa regionale di 8 km. Non ero molto entusiasta, ma alla fine sono stato conquistato dal clima che si respirava.   Al piacere si è aggiunto il fascino dell’atmosfera. E così ha deciso di ripetere l’esperienza… Mi sono allenato di più e ho partecipato ad altre corse classiche, come la Morat-Friborgo. Mi è venuto spontaneo aggiungere dei chilometri. Poi ho scelto la maratona, per esempio quella di New-York.   Ma come è arrivato all’Ultra Trail, che rappresenta un notevole passo avanti rispetto alla maratona? Nel 2015, un amico mi ha provocato bonariamente chiedendomi se non avessi l’intenzione di iscrivermi al Marathon des Sables (MDS)*. L’idea ha fatto subito click! Ho deciso di "regalarmela" per i 50 anni.   Il MDS, che è una delle tappe dell’Ultra-Trail World Tour, è considerata una delle corse più difficili in assoluto. A parte la distanza da percorrere, 255 km in 6 tappe, di cui una di 80 km ininterrotti, parzialmente in notturna, può riassumerci in poche parole le altre particolarità di questo Ultra Trail? La MDS si svolge nel deserto del Sud del Marocco, in un contesto naturale magnifico e molto vario, ma anche difficile, con la temperatura che può raggiungere i 50°C, le tempeste di sabbia, il terreno fatto di dune, piccole alture, uadi inariditi. La MDS si svolge in autosufficienza alimentare. Ogni partecipante si porta sulle spalle il cibo per una settimana. L’organizzazione fornisce solo l’acqua! Ha appena partecipato alla Transgrancanaria, una prova di 125 km in un’unica tappa con un dislivello positivo di 8.000 m… Quali sono i prossimi obiettivi? Ho molti progetti, ma il prossimo sarà la Diagonale des fous, che si svolgerà alla Réunion. La distanza è di 167 km con un dislivello positivo di 9.950 m, da realizzare in una tappa e in un tempo massimo di 60 ore.   Dichiarazioni raccolte da Serge C. Ducret, www.vitamag.ch *Video della MDS su www.youtube.com

Leggere di più
 
Articoli

Per vivere meglio e per crescere: ispiratevi allo stoicismo

Spesso, di fronte agli eventi della vita, il nostro atteggiamento non è abbastanza distaccato. Dimentichiamo di metterci in posizione meta. Per capirne il significato con l'aiuto di un'immagine, se rimaniamo nel bosco, vediamo pochissimi abeti. Se invece ci posizioniamo al di sopra della foresta, visualizziamo più alberi, scoprendo quindi un maggior numero di prospettive. Alcune forme di pensiero filosofico possono aiutarci, per esempio lo stoicismo.   Le origini dello stoicismo Lo stoicismo è un approccio filosofico e morale che si è sviluppato ad Atene nel 300 a. C. I principali filosofi stoici furono Seneca, Zenone di Cizio e Marco Aurelio. Questa corrente filosofica ha attraversato tutti i secoli ed è stata una fonte di ispirazione per la psicologia cognitivo-comportamentalista. Non a caso quest'ultima dà ottimi risultati nelle terapie e nello sviluppo personale.   In che cosa può aiutarvi molto lo stoicismo? Nella vita, lo stoicismo distingue le cose che dipendono da noi e quelle su cui non abbiamo alcun potere. Secondo questa morale, è opportuno non lottare disperatamente contro gli elementi che non dipendono da noi. Così facendo, si risparmia molta energia. L'energia va invece investita negli elementi su cui possiamo incidere. Inoltre, per essere più distaccati, bisogna applicare il seguente principio: a preoccuparci non è sempre la situazione, quanto la percezione che ne abbiamo. Come possiamo crescere su questi punti? È necessario osservarsi nelle diverse situazioni che si affrontano nell'ambito della vita per allenarsi. Bisogna iniziare con allenamenti progressivi, per aumentarli un po' alla volta. Acquisirete così un automatismo che renderà la vostra vita più tranquilla e leggera. Nella lingua di tutti i giorni, non si dice forse «Ammiro lo stoicismo di quella persona»?   Romain Ducret, Formatore e coach professionale www.gmrh.ch

Leggere di più
 
Novità sul mercato

 

[vedere tutto]

 
La riproduzione parziale o integrale non autorizzata dall’editore è vietata, oltre che illegale. Riproduzione e adattamento di ogni tipo sono da considerarsi illeciti. © 2010 Communis | Healthcare Media Concept